Cronaca

Ristoratori e TNI bloccano di nuovo l'autostrada: tavolo per due in A1

Attimi di tensione quando un manifestante è stato colpito da auto che si è allontanata

Il "pranzo" in A1 credits TNI

Questa mattina nuova protesta di Ristoratori e Tutela Nazionale Imprese (TNI) lungo l'autostrada A1. Motivo per cui, poco dopo le 9 e 30, è stata disposta la chiusura dei tratti Firenze sud - Incisa verso Roma e Valdarno - Incisa verso Bologna. Sul posto sono intervenuti il personale di Autostrade per l'Italia, polizia stradale e la digos fiorentina.

Imprese e ristoratori, guidati dal portavoce Pasquale Naccari, protestano dopo che già martedì scorso aveva bloccato l'A1 - all'altezza di Orte - nella giornata in cui avevano manifestato al Circo Massimo al fianco di altre sigle. Alla base della protesta di oggi, scaturita dopo le comunicazioni del governo sulle possibili riaperture dal 26 Aprile grazie alla reintroduzione della zona gialla, il voler dire a gran voce "no" al coprifuoco, alle aperture dei ristoranti solo all'esterno e al distanziamento di due metri. "No" anche al pagamento solo con il pagamento elettronico (pos) e al pass vaccinale. Chiesto anche l'esonero del Durc, abolizione tetto del 30% per gli indennizzi e mai più chiusure.

Protesta in A1: auto investe manifestante e si allontana

I ristoratori hanno inscenato un pranzo all'aperto sull'A1 nei pressi dell’area di servizioImmagine 2021-04-19 125735-2 Arno ovest. Non è mancato qualche attimo di tensione quando un ristoratore, Antonio Alfieri (tra i leader di IoApro intervenuto a titolo personale) è rimasto ferito in modo lieve dopo che un'auto ha forzato il blocco autostradale urtandolo. Le sue condizioni non desterebbero preoccupazione. Alfieri ha anche criticato l'atteggiamento tenuto da IoApro che in un primo momento ha voluto prendere le distanze dalla manifestazione.  

Blocco in A1: anche lo sciamano di Montecitorio alla protesta

Le code si sono allungate per chilometri in entrambi i sensi di marcia con ripercussioni anche in città nella zona di Firenze Sud (viadotto Marco Polo e viale Europa). 

Dopo alcune ore, alle 14:30, i manifestanti sono risaliti in auto e hanno permesso la normale circolazione dei mezzi. 

Naccari: "Ho perso oltre un milione di fatturato"

 (ultimo aggiornamento ore 15:00)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ristoratori e TNI bloccano di nuovo l'autostrada: tavolo per due in A1

FirenzeToday è in caricamento