Coronavirus, emergenza studenti fuori sede: “In 10mila non riescono più a pagare l’affitto”

L'appello di Sunia e Udu: “Proprietari di case abbassino i canoni, istituire anche un fondo speciale”

Nell'emergenza coronavirus, per gli studenti universitari fuori sede a Firenze è sempre più difficile pagare l'affitto. Sarebbero almeno 10mila, secondo le stime diffuse questa mattina dal sindacato degli inquilini Sunia, quelli in grandissima difficoltà economica e sul punto di non essere più in grado di pagare affitto e spese.

"Molti sono tornati a casa dai genitori, quando ancora era possibile. La maggioranza sono restati, con grandissime difficoltà a rimediare lavoretti e con i genitori spesso non più in grado di contribuire a pagare l’affitto. Il rischio concreto è di essere costretti a lasciare la casa e magari anche l’università”, si legge in una nota congiunta diffusa da Sunia e Udu-Sinistra Universitaria.

I NUMERI

“A Firenze gli studenti fuori sede che presentano grosse criticità a mantenere la casa in affitto sono presumibilmente circa 10mila, la metà del totale dei fuori sede”, ribadiscono gli studenti di Udu.

Nelle ultime tre settimane, in 174 ragazzi si sono rivolti al Sunia in cerca di aiuto. Di questi, 93 hanno riferito che i genitori, causa sospensione del lavoro, non possono continuare ad aiutare a pagare l’affitto e 81 hanno spiegato che non potevano più arrotondare con ‘lavoretti’ (in gran parte lavoravano nella ristorazione e nell’accoglienza turistica).

LE TESTIMONIANZE DEGLI STUDENTI

Il Sunia ha raccolto e diffuso le testimonianze di alcuni studenti. “Mio padre è stato messo a casa dal ristorante dove lavorava a Roma - ha detto lo studente D. -. Non sarà in grado di aiutarmi per marzo e aprile e io ho perso il lavoro di dog sitter, perché ora il cane se lo portano a giro da soli i proprietari”.

“Mia sorella ed io non possiamo più pagare. I nostri due coinquilini sono tornati a casa e non troviamo nessuno con cui dividere l’affitto - spiega la studentessa M. -. E' una lotta disperata, rischiamo di dover lasciare Firenze”.

L'APPELLO AI PROPRIETARI DI CASE

“Per prima cosa lanciamo un appello ai proprietari di casa per ridurre i canoni di locazione per questi 3⁄4 mesi”, dice Laura Grandi, segretaria del Sunia di Firenze. “Oppure - prosegue Grandi -, venga dato un contributo all’affitto agli studenti universitari”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“I nodi vengono al pettine. Da tempo denunciamo costi abitativi che impediscono l’accesso al diritto allo studio. Ora – chiede Gabriele Minelli di Udu Firenze/Sinistra Universitaria -, si istituisca un fondo per le gli studenti fuori sede, altrimenti solo i figli di famiglie benestanti potranno studiare a Firenze”.

Coronavirus: morto uno studente

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Santa Maria Novella: ragazzina presa a schiaffi e rapinata alla fermata dalla tramvia

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Scosse di terremoto nel Fiorentino

  • Rissa all'Isolotto: resa dei conti in strada

Torna su
FirenzeToday è in caricamento