Politica

Regione, sulla giunta Giani prende tempo: "E' presto". E prova a ricucire con Renzi

Sui presunti dissapori con l'ex premier frena: "Molto importante il ruolo di Italia Viva nel risultato elettorale"

Eugenio Giani, foto Agenzia Dire

"Giani è Giani, non ho padrini", disse subito dopo le elezioni che lo hanno incoronato presidente della Regione. E poi, pochi giorni dopo, in una intervista al Foglio: "A Matteo (Renzi, ndr) ho portato più di quanto ho ricevuto". Parole che hanno ronzato non simpaticamente nelle orecchie dell'ex premier.

Così oggi il neo presidente della Regione Eugenio Giani (ancora non proclamato ufficialmente) ha corretto un po' il tiro.

"Sono convinto che con Italia Viva abbiamo fatto un bel percorso nel periodo elettorale. E' stato molto importante il ruolo di Italia Viva in quello che è stato il risultato elettorale e sono convinto che insieme costruiremo la Toscana del futuro", ha risposto oggi Giani, a margine di una conferenza stampa, ai cronisti che gli chiedevano dei rapporti con il leader di IV."

Gli eletti in consiglio regionale

A tenere banco è anche la composizione della giunta, sulla quale però Giani non intende sbilanciarsi. "Non sono ancora il presidente della Regione. Fino alla proclamazione degli eletti non mi pronuncerò su queste cose", ha chiosato ai giornalisti.

La squadra di Giani sarà composta da 8 assessori, secondo quanto prevede lo statuto regionale. Dopo lo scarso risultato elettorale (4,5%) Italia Viva non potrà puntare al potente assessorato alla sanità (quello che gestisce l'80% dei fondi regionali) e a questo punto, secondo gli ultimi rumors, i renziani sarebbero più tentati dal provare a strappare la presidenza del consiglio regionale, carica che proprio Giani ricopriva nella consiliatura che giunge al termine.

Ruolo per il quale si parla, tra gli altri, di Cristina Giachi, finora vicesindaca di Nardella ed entrata in Regione con quasi 11mila preferenze.

Il dettaglio del voto fiorentino

Quanto alla giunta, appunto, Giani prende tempo. Due sembrano però i nomi già quasi sicuri: quello della Pd Monia Monni e Serena Spinelli per Sinistra civica ecologista, lista che, ha assicurato Giani nella festa al Mandela Forum per la vittoria, "sarà in giunta".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, sulla giunta Giani prende tempo: "E' presto". E prova a ricucire con Renzi

FirenzeToday è in caricamento