Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Sicurezza sul lavoro, mobilitazione dei sindacati: “Da inizio anno in Toscana 14 morti”

I sindacati dicono no alle deroghe del codice degli appalti e chiedono la proroga del blocco dei licenziamenti: a rischio 100.000 posti di lavoro nella nostra regione

Stamani si è tenuto il presidio di Cgil, Cisl e Uil della Toscana che si inserisce nell’ambito della mobilitazione nazionale "Fermiamo la strage nei luoghi di lavoro”.

I sindacati hanno posto l’accento sulla sicurezza sul lavoro, con i recenti incidenti mortali che hanno coinvolto la Toscana, ma è stata anche l’occasione per parlare di codice degli appalti (no a proroghe che possano avvantaggiare il malaffare) e di proroga del blocco licenziamenti. E chiedono:

  • Un Patto per la Salute e la Sicurezza che coinvolga tutte le parti in causa (Istituzioni, parti datoriali e associazioni sindacali) per rimettere al centro il rispetto della dignità e della vita
  • La proroga del blocco dei licenziamenti: "La posizione di Confindustria è inaccettabile e rischia di creare un disastro sociale che graverà sulle spalle dei lavoratori e delle famiglie" sostengono.
  • La riforma degli ammortizzatori sociali, "ormai non più rinviabile per dare certezze e garanzie al mondo del lavoro".
  • No a deroghe al Codice degli Appalti: "In un Paese ad alto rischio di infiltrazioni, come le cronache ci hanno insegnato in questi anni, non possiamo permetterci di fare concessioni alla criminalità".

Morti sul lavoro

Sono 14 le vittime sul lavoro da inizio anno in Toscana. Solo da aprile a oggi sono 3 gli incidenti mortali: Luana D’Orazio, giovane madre di 23 anni uccisa da un’orditoio in una fabbrica nel pratese, un anziano rimasto schiacciato sotto il trattore e un operaio deceduto appena due giorni fa mentre stava lavorando in una pista ciclabile vicino a Castiglion della Pescaia. 

Perdita posti lavoro stimati

Fra mancati avviamenti e i licenziamenti, che ci sono stati e ci saranno, alla fine dell'anno mancheranno oltre 100.000 posti di lavoro in Toscana (Stime Ires Cgil Toscana). Per questo, dicono i sindacati, serve al più presto la proroga del blocco dei licenziamenti, così come chiesto da CGIL CISL UIL al governo per evitare un disastro sociale che avrebbe conseguenze nefaste per i lavoratori e le loro famiglie.

Secondo Ciro Recce, segretario generale Cisl Toscana: “Lo sblocco dei licenziamenti va rinviato e nel frattempo vanno attivati percorsi di riqualificazione per chi perderà il lavoro quando si arriverà allo sblocco. Lo si può fare mettendo in campo adeguate politiche attive per il lavoro e questo è un settore su cui possono agire anche le Regioni. Per questo ci rivolgiamo sia al Governo, sia alla Regione Toscana”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza sul lavoro, mobilitazione dei sindacati: “Da inizio anno in Toscana 14 morti”

FirenzeToday è in caricamento