rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024

Autismo, la protesta dei genitori: “Senza i rimborsi per le terapie Aba non possiamo curare i nostri figli” VIDEO / FOTO

L'abrogazione della legge 493 sta comportando problemi per le famiglie

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

“Non vogliamo luci blu ma terapie valide per i nostri figli”. Nella giornata per la consapevolezza sull'autismo, i genitori di ragazze e ragazzi con disturbo dello spettro autistico si sono ritrovati in presidio in piazza Duomo davanti alla Regione per protestare contro l'abrogazione della legge regionale 493 del 2001 e il passaggio alla 1481 del dicembre scorso.

Problemi di interpretazione

La vecchia 493 andava in soffitta a fine dicembre scorso, prevedeva fino a 450 euro di rimborsi mensili per le terapie Aba, utili per migliorare il comportamento . 
“Siamo qua per chiedere alla Regione che torni indietro sull'abrogazione della 493 – spiega Eva Maggiorelli dell'associazione Orizzonte Autismo Prato - che prevedeva il rimborso per le terapie Aba e che erano utili alle famiglie a sostenere le spese. La delibera è stata sostituita con la 1481 dove non si capisce quali siano i paletti”. 

Uno dei problemi sarebbe dovuto a una diversa interpretazione tra le varie Asl. “In particolare la Asl Centro ha scritto espressamente che i rimborsi per le terapie autismo non sono più compresi – precisa Maggiorelli - mentre le altre due sembrano mantenere l'impostazione precedente. Chiediamo alla giunta di dare una indicazione favorevole in tutte le Asl e che ci siano terapie adeguate per tutti, anche per chi non accede al rimborso. Perché ci sono famiglie che non ci possono accedere”.

Più di 1000 euro al mese a famiglia

“Tutto ora ricade su di noi – afferma Marco, padre di Lorenzo e impiegato – prima avevamo 450 euro di rimborso per le Aba. Ora non sappiamo più se le reinseriranno. Spendiamo intorno alle 1000 euro al mese a famiglia”.

Il mancato rimborso andrebbe a influire anche poi su altre attività. “Senza questi 450 euro – spiega Claudio Ciofi – sarà un problema anche mandare ai centri estivi i ragazzi. Costano 250 euro a settimana”. 

Sara Vardaro ha un ragazzo e una ragazza, affetti dalla sindrome da x fragile. Con le terapie Aba la loro autonomia è cresciuta. Senza i rimborsi, sarà un grosso problema per lei.

“Per me è impossibile sostenere le cure per i miei figli senza questi rimborsi – ammette Vardaro, che lavora alla Coop - Le scelte sono o si mangia o si fa le terapie. E con le terapie i miei figli sono riusciti a fare grandi passi avanti: il più piccolo è riuscito a parlare e ad imparare ad avere un comportamento scolastico adeguato. La grande ha ottenuto diverse autonomie crescendo molto cognitivamente. Senza questa possibilità, sarà un grosso problema”.  

Presidio genitori con bambini nello spettro autistico

Video popolari

Autismo, la protesta dei genitori: “Senza i rimborsi per le terapie Aba non possiamo curare i nostri figli” VIDEO / FOTO

FirenzeToday è in caricamento