A Palazzo Vecchio il 'funerale' delle biblioteche: "Sono morte perché il Comune le lascia chiuse" / FOTO

Ancora una protesta dei bibliotecari precari: "Per esigenze di spesa tagliano il nostro lavoro e un servizio fondamentale per i cittadini"

Una bara nera con dentro alcuni libri, con tanto di corteo funebre prima di essere depositata di fronte a Palazzo Vecchio. Il 'funerale' delle biblioteche fiorentine si è svolto questo pomeriggio, mentre all'interno del Palazzo si svolgeva il consiglio comunale.

"Continuano a rimanere chiuse 8 biblioteche comunali su 13, e le sole 5 aperte offrono servizi ridottissimi. Questo, oltre a mettere a rischio il lavoro di tanti di noi, costituisce un grave danno per tutti i cittadini, che vengono privati di spazi e servizi essenziali", spiegano Alessio Nencioni e Chiara Mariotti, attivisti dei 'Biblioprecari', che rappresentano un centinaio di bibliotecari precari 'in appalto', cioè dipendenti delle cooperative e non del Comune.

"Il motivo della mancata riapertura è semplice, sta tutto nella volontà di tagliare i 'costi', le ragioni sanitarie non c'entrano. Ha riaperto tutto, devono riaprire anche le biblioteche", proseguono i bibliotecari, a decine riuniti sotto Palazzo Vecchio. Diversi di loro, che erano a tempo determinato, hanno già perso il posto.

"Chiediamo garanzie sull’appalto in corso e sul nuovo bando di gara, ora in scadenza. L'amministrazione deve avere il coraggio di invertire la rotta, ripartendo proprio dalla cultura e dal lavoro, pilastri inalienabili di una società che vuole considerarsi civile", spiegano ancora i bibliotecari, oggi all'ennesimo presidio in una mobilitazione che va avanti ormai da settimane.

Una piccola delegazione è stata ricevuta nel Salone dei Cinquecento, dove si svolgeva il consiglio, e qui sono state consegnate al presidente dell'assise Luca Milani le oltre 5mila firme raccolte in totale tra la petizione su Change.org per chiedere la riaperture e quelle nei banchini di fronte alle biblioteche chiuse.

I bibliotecari volevano consegnare le firme all'assessore alla cultura Tommaso Sacchi e al sindaco Dario Nardella. Entrambi erano però assenti per altri 'impegni istituzionali'.

In piazza Signoria, in solidarietà con i 'Biblioprecari' c'erano invece alcune decine di studenti universitari, tutti a sedere in terra con in mano libri, computer e fotocopie. "Perché non sappiamo dove studiare - dicono gli studenti -. Riaprite le biblioteche, servono anche a noi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Incidente stradale in viale Belfiore: auto contro scooter, un ferito grave / FOTO

  • Coronavirus: in Toscana altro balzo in avanti, 906 nuovi casi. Cinque decessi, tutti a Firenze

  • Coronavirus: sfondata quota 1.000 nuovi positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento