Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Droga, lo shaboo viaggia in treno: ragazzine cinesi usate come corrieri

Giovani incensurate, arrivavano a Firenze e Prato per comprare l'anfetamina etnica da portare nelle piazze di spaccio romane

Un fiorente traffico di shaboo, l'anfetamina "etnica" usata da cittadini orientali, è stato scoperto e stroncato dai carabinieri di Roma coordinati dal procuratore aggiunto della procura della Capitale Lucia Lotti. Gli indagati finiti nell'inchiesta sono 22. Si tratta di cinesi, filippini e italiani.

Sono tutti accusati di spaccio e detenzione di droga. Altri 38 pusher sono stati invece arrestati per spaccio nel corso delle indagini. Le misure cautelari sono state emesse dal gip di Roma ed eseguite a Firenze, Roma, Taranto e Napoli.

Le indagini dei militari hanno infatti appurato che alcuni commercianti al dettaglio cinesi di Roma, si rifornivano di shaboo dai loro connazionali a Prato e Firenze, quindi portavano la droga in cristalli nella Capitale per spacciarla.

L'anfetamina etnica, hanno ricostruito i carabinieri, veniva portata a Roma da giovani ragazze cinesi incensurate che viaggiavano in treno da Prato e dall'hinterland fiorentino, garantendo così un trasporto 'sicuro'.

Una volta giunti nella Capitale tramite le ragazze-corriere, i cristalli di shaboo venivano rapidamente venduti tramite una intricata rete di pusher collocati nelle varie piazze di spaccio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga, lo shaboo viaggia in treno: ragazzine cinesi usate come corrieri

FirenzeToday è in caricamento