rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

Palazzo Vecchio: stato di agitazione per tutto il personale

La Rsu: “Stufi di un'amministrazione che gioca a nascondino con lavoratrici e lavoratori”. I fronti critici: smart working, rispetto delle misure anti Covid, carenze di personale, settore infanzia, ufficio casa, municipale, biblioteche

La rappresentanza sindacale unitaria del Comune di Firenze dichiara lo stato di agitazione di tutto il personale. Lo fa con una nota ufficiale, in cui spiega che "lo stato delle relazioni sindacali all'interno dell'ente ha toccato il suo punto di minimo storico con la deficitaria gestione dello smart working. Molti dirigenti del Comune di Firenze, infatti, in seguito al 'decreto Brunetta' dello scorso settembre, hanno imposto ai propri dipendenti il rientro in presenza a partire da lunedì 18 ottobre 2021, sancendo nei fatti il superamento di qualsiasi ipotesi di lavoro agile nonostante che il Comune di Firenze abbia da tempo il Piano operativo lavoro agile (Pola). Sia il percorso relativo al rientro in presenza dei dipendenti pubblici (15 ottobre) ma anche quello di redazione del Pola, è stato contraddistinto da un confronto sindacale ridotto ai minimi termini: incontri di breve durata dove l’Amministrazione Comunale ci ha comunicato le decisioni prese".

Tamponi

"Non ci è stato comunicato - si legge nella nota della Rsu - se il datore di lavoro e il responsabile del servizio prevenzione e protezione abbiano verificato che all'interno dei luoghi di lavoro siano rispettate, con il rientro in presenza, le condizioni di sicurezza, visto che lo stato di emergenza Covid19 non è ancora terminato. Non abbiamo poi avuto risposta alla nostra richiesta di una convenzione da parte del Comune di Firenze per avere un canale che garantisca esiti, anche in giornate di sabato e festivi, per sottoporsi ai tamponi per i dipendenti comunali, oltre alla possibilità di lanciare convenzioni a prezzi calmierati od abbonamenti da estendere a tutta la cittadinanza, offerte peraltro che stanno già verificandosi sul territorio e che una spinta istituzionale potrebbe ampliare e favorirne la diffusione. Corriamo il rischio, infatti, che alcuni servizi a causa dell’impossibilità dei dipendenti di sottoporsi al tampone ai fini del green pass, subiscano disagi creando riduzioni sia della qualità che quantità dei servizi alla cittadinanza, vista la storica e cronica carenza di personale".

Green pass, arriva la stretta: le linee guida di Palazzo Vecchio, controlli a campione

Servizi all'infanzia e ufficio casa

Sempre secondo la Rsu, "in diversi settori sono stati richiesti incontri per affrontare le problematiche particolari, ma gli incontri si hanno con fatica e rari sono i risultati ottenuti nonostante le promesse. Esempio ne è il settore infanzia (asili nido e scuole dell’infanzia). Sono tante le carenze e le difficoltà a partire dal personale che manca per le sostituzioni (educatori, docenti ed esecutori) ma anche per il pochissimo personale amministrativo negli uffici. A distanza di venti giorni dall’invio delle nostre note, non abbiamo avuto ancora alcun riscontro dal Comune in merito agli incontri specifici richiesti. Ed ancora l’ufficio casa: nonostante lo stato di agitazione aperto, gli incontri fatti e le difficoltà più volte evidenziate che si acuiranno con la prossima apertura del bando Erp (ad esempio con i tempi che quasi certamente andranno oltre i termini per concludere le istruttorie), non hanno ancora certezza in merito al personale che sarà assegnato a tale ufficio nonostante le assunzioni previste per tutta l’amministrazione comunale".

Servizi demografici e biblioteche

La nota prosegue: "I servizi demografici/territoriali che hanno visto un primo ed unico confronto con l’amministrazione nel marzo di quest’anno, in cui l‘assessore Meucci evidenziava come già dall’ottobre 2020 mancavano 42 unità amministrative, servizi rimasti sempre aperti anche durante il primo lockdown, vedono ampissimi ritardi per le risposte alla cittadinanza ma nessun impegno preso all’amministrazione comunale per risolvere il problema, con tutti i rischi in termini di stress e aggressioni che ne conseguono, a causa di una cittadinanza esasperata. Le biblioteche che stanno continuando a vedere esodo di personale per i pensionamenti e non solo, gestite in gran parte attraverso appalti. Lavorano nelle biblioteche 150 persone, 50 dipendenti comunali e 100 attraverso appalti, insufficienti per garantire una corretta apertura, sorveglianza e programmazione".

Lavoro, via ai concorsi per Comune e Città Metropolitana: 11mila candidati per 75 posti

Controllo green pass e polizia municipale

"E’ stato inoltre assegnato al personale il “controllo green pass”, ulteriore aggravio, che vede i lavoratori incaricati spostarsi con i propri mezzi tra le biblioteche assegnate (4 ciascuno). Strutture che senza un ripensamento dell’organizzazione e un reintegro del personale vedranno la riduzione del valore del servizio erogato. Questo avviene nonostante in un recente passato l’assessore alla cultura aveva parlato di internalizzazione di questo servizio. Per la polizia municipale il percorso di confronto si è arenato dopo che la rsu ha avuto diversi incontri sul tema degli esoneri dai turni di notte con a delegazione trattante, la problematica è rimasta senza risposta, come del resto il tema delle procedure per la mobilità interna, l’applicazione dell’accordo sulle 35 ore e la procedura sulla mobilità e scambio esterno all’ente, nonostante la vigenza di norme di semplificazione. Questi sono solo esempi delle tante problematiche poste da questa rsu ad oggi senza risposta nei vari settori dell'amministrazione" insiste la nota.

Carenza di personale

"La più importante tra le questioni, trasversale, generale, che riguarda tutti, anche i cittadini, è la carenza di personale - sottolineano poi i sindacati - . Se molti servizi nella nostra amministrazione vanno avanti è grazie alla grande abnegazione delle lavoratrici e dei lavoratori che si sentono in prima persona responsabili dell’erogazione dei servizi ai cittadini. In questi giorni tanti uomini e donne sono impegnate nei concorsi del Comune di Firenze. Circa 11 mila candidati per poco più di 60 posti di assunzione. Assunzioni non sufficienti per colmare le gravi carenze di personale amministrativo e tecnico dovute al lungo periodo passato di blocco del turnover e ai tanti pensionamenti per quota 100 di questi anni".

In conclusione: "Impossibile stabilire una graduatoria di priorità, se non mettere al primo posto la sicurezza per i lavoratori e di conseguenza per gli utenti al fine di garantire i servizi per i cittadini. Siamo sinceramente stufi di un'amministrazione che gioca ormai da troppo tempo a nascondino con le lavoratrici e i lavoratori del Comune di Firenze e per questi motivi dichiariamo lo stato d’agitazione di tutto il personale del Comune di Firenze".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo Vecchio: stato di agitazione per tutto il personale

FirenzeToday è in caricamento