Cronaca

La Cgil Toscana devolve 30mila euro al fondo di solidarietà della Regione

Il segretario regionale della Cgil Toscana, Alessio Gramolati, ha spiegato che il contributo versato è il frutto di una causa vinta dal sindacato nei confronti di un quotidiano nazionale con il quale era aperto un procedimento per diffamazione

La Cgil Toscana ha versato 30mila euro nel fondo di solidarietà della Regione Toscana. Strumento che l’ente ha messo in piedi per dare sostegno ai lavoratori in difficoltà. Stamattina, il segretario regionale della Cgil Toscana, Alessio Gramolati, ha consegnato al presidente Rossi il foglio che attesta la donazione: l'effettuazione del bonifico nelle casse regionali. “Un altro piccolo ma importantissimo contributo al fondo per il microcredito dei lavoratori che stanno attraversando un momento delicato”, ha detto Rossi. “La Regione – ha continuato il governatore – ha fatto uno sforzo consistente, mettendo 5 milioni di euro l'anno per il triennio 2013-2015. Ovviamente saremmo ben contenti di accogliere altre donazioni analoghe, da altre forze sociali, dalle fondazioni bancarie, da tutti i soggetti che hanno disponibilità economiche e che hanno voglia di darci una mano”.

CGIL – Gramolati ha spiegato brevemente che il contributo versato alla Regione è il frutto di una causa vinta dalla Cgil Toscana nei confronti di un quotidiano nazionale con il quale era aperto un procedimento per diffamazione. Il giudice ha dato ragione alla Cgil e disposto un risarcimento di 30 mila euro. Il segretario regionale ha poi approfittato dell’occasione per ricordare come, nell’arco di un mese, ai 43 sportelli della Cgil in Toscana si siano rivolte 1051 persone (molte delle quali, per le caratteristiche della loro situazione, sono state indirizzate agli sportelli del prestito sociale). “E' giusto – ha sottolineato Gramolati – che i 30 mila euro vinti dalla causa che avevamo intentato tornassero nella società, alle persone che stanno soffrendo particolarmente questa crisi e hanno difficoltà ad accedere al credito".

MICROCREDITO – La misura sul microcredito per i lavoratori in difficoltà, insieme ai bonus per i nuovi nati, famiglie numerose, famiglie con figli disabili e alla garanzia sui mutui, fa parte dei progetti varati dalla Regione nell’ambito di Toscana Solidale (attivato con la legge regionale 45 del 2013). Il microcredito è stato creato per sostenere tutti coloro che hanno necessità di rivolgersi alle banche per un piccolo prestito per fronteggiare una fase di difficoltà. La Regione, con i 5 milioni di euro messi a disposizione, assicura la copertura totale degli interessi e delle garanzie sui finanziamenti. Il finanziamento massimo concedibile è di 3 mila euro, erogati in una unica soluzione. I destinatari dell'intervento sono lavoratori e lavoratrici dipendenti, residenti in Toscana, che da almeno due mesi non ricevono lo stipendio o che sono in attesa di percepire gli ammortizzatori sociali. Gli sportelli della Cgil, Cisl e Uil sono a disposizione, senza alcun costo, per istruire le domande.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Cgil Toscana devolve 30mila euro al fondo di solidarietà della Regione

FirenzeToday è in caricamento