Carcere di Sollicciano, detenuto appicca fiamme in cella: agente intossicato

Situazione esplosiva, la denuncia del sindacato

Un detenuto ha appiccato un incendio ieri sera, intorno alle 21.30, nella sua cella all'interno del carcere fiorentino di Sollicciano, causando panico tra gli altri reclusi per il fumo diffusosi nelle celle. L'episodio ha causato anche l'intossicazione di uno degli agenti intervenuti.

A rivelarlo è il sindacato Uilpa polizia penitenziaria, spiegando che il fuoco è stato spento grazie all'intervento del personale con tre estintori.

L'agente intossicato è stato portato in ambulanza in ospedale, dove è rimasto ricoverato l'intera notte.

“Quanto accaduto non è un caso isolato. Scene di violenze e danneggiamenti che si verificano nei carceri dell'intero territorio nazionale sono ormai all'ordine del giorno”, commenta Antonio Mautone, segretario della Uilpa polizia penitenziaria di Firenze.

In questi giorni l'impianto di riscaldamento dentro al carcere è rotto e i detenuti sono al gelo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sicurezza: allerta terrorismo, luoghi di culto sorvegliati speciali

  • Cronaca

    Lorenzo Orsetti: la salma del giovane ucciso in Siria tornerà a Firenze

  • Cronaca

    Cinghiali in città: boom di catture ma stop alle battute di caccia

  • Cronaca

    Bistecca patrimonio dell'Unesco: patto Comune-Regione

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Sciopero mondiale per il clima: tutto pronto a Firenze

  • Accoltella il compagno al cuore e poi dà la colpa a uno straniero

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

Torna su
FirenzeToday è in caricamento