Domenica, 19 Settembre 2021

Fisco: manager usa prestito Covid-19 per pagare i mobili di casa / VIDEO

Sequestrato il denaro per malversazione

I militari del comando provinciale della guardia di finanza di Firenze, al termine di un’attività di controllo in materia di prestiti COVID-19 coperti da garanzia statale previsti dal decreto-legge n. 23 del 2020 (c.d. “decreto liquidità”), hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo – a firma della gip Angela Fantechi, su richiesta della procura della Repubblica di Firenze – nei confronti di un imprenditore originario di Pontedera (PI) ma esercente l’attività di rappresentante di calzature nell’Empolese, per l’ipotesi di malversazione ai danni dello stato per aver utilizzato parte del finanziamento ricevuto non al fine di sostenere l’impresa ma per estinguere un precedente prestito acceso per comprare mobilio per la propria abitazione.

Il decreto è stato emesso a seguito delle indagini svolte dalla compagnia di Empoli, le quali hanno permesso di appurare che l’imprenditore, a fronte della percezione di 25mila euro a titolo di finanziamento garantito dallo stato, ne aveva utilizzati 8mila per finalità non coerenti rispetto a quelle previste dal provvedimento governativo del primo periodo di lockdown.

La normativa emergenziale, infatti, stabilisce che i finanziamenti della specie possano essere concessi a scopo di sostegno alle imprese in crisi a causa della congiuntura pandemica e che le relative somme debbano necessariamente essere destinate a finalità connesse al fabbisogno aziendale. Nel caso specifico, invece, una quota parte del finanziamento era stata utilizzata per estinguere anticipatamente una linea di credito personale accesa dall’imprenditore anni prima per l’acquisto di arredamenti per la propria abitazione.

All’esito degli approfondimenti, svolti nell’ambito delle più ampie attività di analisi e controllo condotte dalla guardia di finanza per garantire il corretto impiego delle risorse pubbliche, l’imprenditore è stato deferito per la commissione del reato di cui all’art. 316-bis c.p. (“Malversazione a danno dello Stato”) alla procura della repubblica di Firenze, che ha richiesto ed ottenuto dal tribunale fiorentino un provvedimento di sequestro preventivo del valore di 8.000 euro, pari alle somme distratte, che è stato eseguito cautelando l’intero importo oggetto di malversazione.

Si parla di

Video popolari

Fisco: manager usa prestito Covid-19 per pagare i mobili di casa / VIDEO

FirenzeToday è in caricamento