Politica

Crisi Covid: scuole di lingua e cultura italiana a rischio chiusura. La Lega: "Regione Toscana intervenga"

Gli istituti hanno registrato perdite tra il 70 e il 95% a causa dell'epidemia che ha azzerato i soggiorni linguistici ma non hanno mai ricevuto alcun ristoro, a causa dei codici Ateco

 “Le scuole di lingua e cultura italiana di cui sono costellate Firenze e la Toscana, hanno registrato perdite tra il 70 e il 95% a causa dell'epidemia che ha azzerato i soggiorni linguistici ma non hanno mai ricevuto alcun ristoro, per via del mancato inserimento del loro codice Ateco tra i beneficiari dei contributi a fondo perduto da parte del precedente governo”.

E' l'allarme lanciato dalle consigliere regionali della Lega Luciana Bartolini ed Elisa Tozzi, insieme al vicepresidente del consiglio comunale di Firenze del Carroccio, Emanuele Cocollini.

“Abbiamo quindi chiesto alla presidente della quinta commissione Istruzione e Formazione Cristina Giachi, di convocare per un'audizione i vertici del Comitato scuole di lingua e cultura italiane, con lo scopo di concertare e promuovere un intervento diretto della Regione Toscana che eviti la chiusura definitiva di questi istituti” spiegano le consigliere regionali.  

“Si tratta di scuole che in molto casi operano da più di 50 anni, svolgendo una preziosa opera di formazione ma anche di promozione culturale – aggiunge Cocollini -. Per ciò è fondamentale che le istituzioni, a tutti i livelli, cooperino per scongiurarne la scomparsa, risparmiando a Firenze e alla Toscana tutta una gravissima perdita non solo economica”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Covid: scuole di lingua e cultura italiana a rischio chiusura. La Lega: "Regione Toscana intervenga"

FirenzeToday è in caricamento