rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024

Schmidt, ora è ufficiale: "Mi candido sindaco contro degrado e insicurezza, Cascine nuovo Central Park come a New York " / VIDEO

L'ex direttore degli Uffizi scende in campo e promette di stare a Firenze per la campagna elettorale partire da metà aprile

Se ne parla da mesi ed era diventata la novella dello stento: "ma quando si candida?". Ora è ufficiale. Questa mattina Eike Schmidt, l'ex direttore tedesco di fresca cittadinanza italiana, ha convocato i giornalisti proprio di fronte a quel Palazzo Vecchio che vuole conquistare e ha rotto gli indugi.

"Sciolgo la riserva"

"Oggi sciolgo la riserva. Prendo l'aspettativa (è da poco direttore del Museo di Capodimonte di Napoli, ndr) e mi candido sindaco", dice di fronte ad un nutritissimo gruppo di giornalisti. Schmidt è da solo, nessun 'big' di partito nel giorno dell'ufficializzazione a sindaco. E non è un caso.

L'ex direttore del museo arrivato sotto la sua guida a livelli mai raggiunti prima di visitatori e presenza social, cosa che rivendica spesso, ripete di essere un "civico", dice che sta lavorando al programma, che sarà "annunciato nei prossimi giorni", e conferma di fatto la strategia di non volere accanto politici di peso, anche se il sostegno di Fratelli d'Italia, Lega e Forza Italia sarà totale.

Del resto Schmidt, originario della patria del nazismo, si professa fortemente antifascista e il 25 Aprile sarà in piazza in prima linea: non proprio la stessa lunghezza d'onda di tutti coloro che fanno parte delle compagini politiche che lo appoggiano.

Gli "appunti"

Quanto ai temi più concreti, assicura che negli anni da direttore degli Uffizi "tanti cittadini mi hanno fermato per chiedermi di candidarmi" e dice di "aver preso appunti su tutti i problemi della città".

Assicura che da metà aprile sarà stabilmente in città per la campagna elettorale, dopi i tempi tecnici per la dimissioni dal museo napoletano. "Perché non chiedono l'aspettativa anche Montanari e Funaro, già in campagna elettorale da tempo? E lo stesso Giuseppe Conte, professore proprio a Firenze, è in aspettativa da sei anni", replica a chi gli chiede una risposta sull'essere un "paracadutato" che, in caso di sconfitta, potrebbe comunque ricevere - quasi scontato - un'altra nomina di pregio da quello stesso governo che lo ha voluto candidato sindaco a Firenze.

Nel 2019 il candidato del centrodestra arrivò il primo aprile ed era quell'Ubaldo Bocci che poi perse piuttosto malamente al primo turno. Cinquanta giorni di campagna elettorale saranno sufficienti, per un candidato sicuramente in vista ma abituato a girare in doppio petto e non proprio habitué delle periferie? "Le conosco le periferie, ho amici e conoscenti anche lì", replica senza indugi.

Sicurezza e overtourism

"Le priorità di Firenze si chiamano sicurezza, degrado, overtourism, sempre meno giovani, problemi per le famiglie del centro e delle periferie", scandisce, sottolineando però come il tema più grande, cavallo di battaglia da tempo del centrodestra, sia per lui proprio quello di "degrado e insicurezza"

Nei prossimi giorni il lancio del comitato elettorale e del programma, in una data ancora da rendere nota: "Lì annuncerò la mia visione, che si bsa sulla grande tradizione gloriosa di Firenze - musica per le orecchie di molti fratelli e sorelle d'Italia - per garantire sicurezza, bellezza, pulizia. Perché dove ci sono degrado e reati, è dimostrato, questi si perpetuano".

Le Cascine "una tragedia"

Infine le Cascine. "Sono una tragedia, le trasfomerò sul modello di Central Park di New York, con offerte culturali e sportive". Se non viene eletto sindaco resta in consiglio comunale all'opposizione o userà il 'paracadute' offerto dal governo? "Ma io vincerò, il problema non si pone". La battuta pronta 'il tedesco' ce l'ha. Ce l'hanno anche i fiorentini, vedremo quanti ne conquisterà.

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Video popolari

Schmidt, ora è ufficiale: "Mi candido sindaco contro degrado e insicurezza, Cascine nuovo Central Park come a New York " / VIDEO

FirenzeToday è in caricamento