Giovedì, 17 Giugno 2021
Politica

Crisi dei ristoratori, Nardella: "Pedonalizzazione di strade del centro"

Il primo cittadino al governo: "Servono linee guida uniformi"

Foto di peachknee da Pixabay

Il giorno dopo la protesta in piazza degli "indipendenti" si torna a parlare delle regole che il comparto della ristorazione dovrà affrontare durante la fase di convivenza con il Covid-19. Un argomento caldo in quanto i ristoratori, in più parti d'Italia, hanno protestato per chiedere che le regole siano sostenibili. 

Stamani il sindaco Dario Nardella e il ristoratore, nonché presidente della Confcommercio fiorentina, Aldo Cursano, sono stati ospiti del programma Centocittà su Radio Rai 1. 

"I quattro metri tra i tavoli - ha detto Cursano - significa la condanna a morte considerato che quando sono stati studiati i modelli si partiva dalla distanza di un metro e venti". "Rischio di avere più addetti che clienti".

Intanto l'amministrazione comunale, che sta spronando il governo a inviare le risorse per non essere costretta a tagliare i servizi, sta mettendo in campo una serie di iniziative in sostegno del mondo del food.  

In merito alle linee guida, temendo si possa arrivare a una eterogeneità in tutto il Paese, Nardella ha chiesto al Governo "linee uniformi". Chiedendo inoltre che venga considerata una differenziazione tra spazi all'aperto e al chiuso. Infatti proprio per dare un spinta al comparto food Nardella ha ribadito: "Daremo gratis suolo pubblico a chi non ce l'ha e lo aumenteremo a chi già lo ha". Proprio in vista delle riaperture, e sfruttando l'avvicinarsi dell'estate, Palazzo Vecchio sta lavorando a un piano per portare le persone a tavola ma in strada: "Stiamo pensando ad una serie di pedonalizzazioni delle strade del centro".  
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi dei ristoratori, Nardella: "Pedonalizzazione di strade del centro"

FirenzeToday è in caricamento