Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Centro Storico

Fase 2, la 'passeggiata' di protesta dei ristoratori toscani: "Come facciamo a riaprire?"

In centinaia da piazza del Duomo a piazza della Signoria contro le incertezze legate alla 'ripartenza'

Foto Facebook gruppo 'Ristoratori Toscana'

Centinaia di ristoratori toscani sono scesi in piazza stamani a Firenze per protestare contro le misure governative anti Covid-19 che da due mesi li costringono a tenere i locali chiusi.Una battaglia per la sopravvivenza dei loro locali, hanno spiegato gli esercenti in piazza Duomo, ma anche per i loro dipendenti, provocata in primis dalle numerose incognite legate alle riaperture del 18 maggio e del 1 giugno.

In particolare, per i ristoratori, c'è il 'nodo' delle distanze di sicurezza che non consentirebbe a molti di loro, gestori di locali piccoli, di riaprire secondo le regole. Inoltre i ristoratori  chiedono l'annullamento di Tari e Cosap fino a fine 2020.

Guidata dal ristoratore Pasquale Naccari de “Il vecchio e il mare” di via Gioberti, cuochi, camerieri, e titolari (gli stessi che poche settimane fa hanno acceso simbolicamente, per una sera, le insegne dei loro locali) hanno fato vita a una passeggiata in pieno centro, seguita con discrezione dalle forze dell'ordine, da piazza del Duomo a piazza della Signoria.

La protesta degli "indipendenti", che si è snodata da piazza del Duomo a piazza della Signoria, ha cavalcato in particolare la totale incertezza relativa ai sostegni e agli appoggi economici alla categoria da parte governo, in procinto di emanare l'ennesimo decreto.

“In Toscana non hanno pagato neppure la prima mensilità di Cassa integrazione ai nostri dipendenti - sostiene Pasquale Naccari - Non basta dire domani puoi riaprire, ma tutto sommato a noi neppure interessa aprire per forza domani! Devono però dirci per tempo come potremo riaprire”.

Durante la manifestazione, i ristoratori sono stati raggiunti in piazza dalla consigliera comunale Letizia Perini. "Il Comune è accanto a ristoratori, stiamo organizzando una serie di riforme del regolamento per dare loro una mano - ha detto -. Stiamo pensando a come sgravargli le tasse, perché è necessario, stiamo studiando un modo per aiutare tutti quanti in modo fattivo".
(Foto Facebook gruppo 'Ristoratori Toscana')

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fase 2, la 'passeggiata' di protesta dei ristoratori toscani: "Come facciamo a riaprire?"

FirenzeToday è in caricamento