Politica

Consigliere della Lega positivo all'alcol test, i 5 Stelle chiedono le dimissioni e anche il Carroccio lo scarica

Emanuele Cocollini è il vicepresidente del consiglio comunale, i vertici del partito: "Prendiamo le distanze, rispetto della legge e sicurezza nostri valori fondanti"

Emanuele Cocollini (Lega) è vicepresidente del consiglio comunale

Anche la Lega lo scarica. "Prendiamo le distanze dalla notizia che vede coinvolto il vice presidente del consiglio comunale Emanuele Cocollini. Il rispetto della legge e della sicurezza comune sono valori rappresentativi e fondanti del nostro Movimento. Valori che portano dunque la Lega a condannare il comportamento tenuto da Cocollini, tutelando altresì le iniziative intraprese e finalizzate alla concretizzazione del reato di omicidio stradale".

Così si legge in una nota resa pubblica dalla 'Lega Salvini Firenze', firmata dai consiglieri della Città metropolitana Alessandro Scipioni e Filippo La Grassa, dal deputato Guglielmo Picchi nonché dal "gruppo consiliare comunale e dei quartieri". L'intero partito locale dunque.

Il fatto è quello di lunedì sera, quando Cocollini, come riportato dalla Nazione, è stato trovato positivo all'alcol test dai carabinieri mentre viaggiava sul suo scooter. Mezzo sequestrato e patente ritirata.

Subito si sono espressi i consiglieri comunali 5 Stelle De Blasi e Masi, chiedendo le dimissioni dalla carica di vicepresidente del consiglio comunale, mentre il capogruppo Pd in Palazzo Vecchio Armentano e l'associazione Lorenzo Guarnieri hanno chiesto scuse pubbliche.

Ma con la nota di cui sopra è anche l'intero Carroccio, a quanto pare, ad averlo scaricato. "Oltre a dissociarci da taluni comportamenti individuali - si legge ancora nella nota della Lega -, ribadiamo l’importanza di non bere alla guida, tutelando così l’incolumità personale e della collettività".

A breve si attende una replica al vetriolo del diretto interessato. Lui stesso è spesso stato percepito dal partito come un 'moderato', più volte in contrapposizione con il capogruppo Federico Bussolin. Al di là dell'accaduto (al momento non è noto quale fosse il valore di 'positività'), che sia anche una scusa per sostituirlo?

La replica: "No al linciaggio contro di me"

(In foto sopra Cocollini al momento alla prima seduta del consiglio comunale dopo le elezioni 2019)
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consigliere della Lega positivo all'alcol test, i 5 Stelle chiedono le dimissioni e anche il Carroccio lo scarica

FirenzeToday è in caricamento