Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

Vaccino nei pazienti oncologici: studio dell’Asl Toscana centro su Lancet Oncology dà basi scientifiche di buona tollerabilità

Campione di 153 persone valutate nell’ambito della campagna vaccinale del Dipartimento oncologico

Sul numero del mese di settembre di Lancet Oncology, una delle riviste mediche più prestigiose al mondo, è stato pubblicato un editoriale sulla campagna vaccinale dei pazienti fragili effettuata presso l'Azienda Usl Toscana centro.

L'obiettivo dello studio condotto dalla dott.ssa Silvia Scoccianti, nuovo direttore della Radioterapia dell'ospedale Santa Maria Annunziata, è stato quello di valutare il profilo di tossicità del vaccino Moderna in 153 pazienti oncologici sottoposti a trattamento radioterapico nei precedenti 6 mesi. Questi pazienti erano inclusi nella campagna vaccinale organizzata dal Dipartimento oncologico dell'Azienda Usl Toscana centro, diretto dalla dottoressa Luisa Fioretto.

La campagna realizzata tra aprile e maggio 2021 ha coinvolto oltre 5.000 pazienti: offrire la possibilità di vaccinarsi ai pazienti oncologici direttamente nelle strutture che li hanno in carico è stato un obiettivo fortemente voluto dal Dipartimento oncologico stesso, raggiunto grazie all'impegno e la partecipazione diretta di tutto il personale medico, infermieristico e delle direzioni sanitarie.

Gli eventi avversi correlabili alla vaccinazione nei pazienti affetti da patologia tumorale sottoposti a radioterapia, sono stati rari e di entità lieve o moderata, del tutto sovrapponibili a quelli rilevati in una popolazione di soggetti non affetti da malattia oncologica anch'essi vaccinati con Moderna.

In sintesi, lo studio fornisce ulteriore evidenza scientifica riguardo la buona tollerabilità dei vaccini contro il Covid-19 anche nei pazienti oncologici che abbiano recentemente eseguito un trattamento radioterapico, rafforzando la raccomandazione della vaccinazione nei pazienti fragili.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccino nei pazienti oncologici: studio dell’Asl Toscana centro su Lancet Oncology dà basi scientifiche di buona tollerabilità

FirenzeToday è in caricamento