Cronaca Centro Storico / Piazza di Santa Maria Novella

'S.O.S. Colombia', presidio in piazza a Firenze: “Basta morti, fermare le violenze del governo” / FOTO

Da giorni nel Paese sudamericano proseguono le proteste contro il governo del presidente Duque, sui social i video della repressione violenta della polizia: “La comunità internazionale ci aiuti”

La comunità colombiana e sudamericana fiorentina si è trovata questo pomeriggio in presidio in piazza Santa Maria Novella, per denunciare la violenta repressione che le forze di polizia – come si vede in molti filmati diffusi sui social - stanno usando contro la popolazione nel Paese sudamericano, in rivolta contro il presidente di destra Ivan Duque.

Una rivolta che dura da giorni. L'ultima scintilla che ha scatenato le proteste di piazza contro il governo di Duque, delfino dell'ex presidente Alvaro Uribe, legato a doppio filo con gli Stati Uniti, è stata una proposta di riforma fiscale, che prevedeva l'aumento della tassazione su alcuni beni di prima necessità, in un contesto economico già provato duramente dalla pandemia. Riforma sulla quale Duque sta ora facendo retromarcia.

Le Ong e gli attivisti presenti nel Paese denunciano come oltre 30 persone siano rimaste uccise negli scontri con le forze di polizia e con l'esercito, oltre a pestaggi, arresti e detenzioni arbitrarie. Sarebbero poi almeno un'ottantina i 'desaparecidos', persone scomparse di cui per il momento si è persa ogni traccia.

“Da otto giorni giovani, lavoratori, sindacalisti sono nelle piazze di tutta la Colombia contro una proposta di riforma fiscale che avrebbe colpito la fascia più povera della popolazione”, spiega Billy Sanchez, da oltre 10 anni a Firenze e uno degli organizzatori del presidio, dove sono accorsi un centinaio di persone.

“Lo Stato ha risposto con la repressione, la polizia spara ad altezza d'uomo e ci sono anche molti feriti agli occhi. Su internet le notizie ed i video girano, ma sui grandi media italiani nessuno parla di quello che sta succedendo, si parla di più del compleanno di George Clooney. Abbiamo bisogno della pressione della comunità internazionale, anche del governo italiano, per fermare le uccisioni di cittadini da parte dello Stato attraverso la polizia, i militari e i paramilitari”, prosegue Sanchez.

L'idea del presidio era nata spontaneamente sui social, con l'appoggio di alcune associazioni presenti nel territorio fiorentino come 'Colombianos en Toscana', 'Colombia es' e 'Raices', associazione che fornisce supporto alle vittime fuggite dalla Colombia a causa del conflitto armato degli anni passati.

In piazza c'erano anche i consiglieri Palagi e Torrigiani, rispettivamente comunale e del Quartiere 1, entrambi di 'Sinistra progetto comune'. Domani, sabato, alle 10:30, la comunità colombiana terrà un nuovo presidio al parco delle Cascine.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'S.O.S. Colombia', presidio in piazza a Firenze: “Basta morti, fermare le violenze del governo” / FOTO

FirenzeToday è in caricamento