rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Cronaca Empoli

Empoli: scoperto e sequestrato deposito abusivo di rifiuti speciali e pericolosi

Blitz dei carabinieri forestali

I carabinieri forestale di Empoli hanno individuato un fondo di 2.000 metri quadrati occupato da svariati cumuli di rifiuti indistinti per tipologia, urbani e speciali, pericolosi e non pericolosi, depositati in maniera incontrollata sul suolo. Sul terreno libero dai cumuli e frammisti a esso, erano comunque presenti materiali frantumati e sbriciolati ormai in piccolissime dimensioni. 

I rifiuti erano principalmente costituiti da parti di materiali isolanti di varia natura, come lana di vetro, polistirolo e lana di roccia, sacchi neri contenenti imballaggi di plastica e cartone, cumuli di carta bituminosa esausta, rifiuti ferrosi e legnosi nonché numerosi secchi contenenti vernici, diluenti e colle, sacchi contenenti gesso e cemento ormai inutilizzabile perché indurito a seguito dell’esposizione alle intemperie.

WhatsApp Image 2022-06-18 at 08.12.21-2

I rifiuti pericolosi consistevano in plafoniere con i tubi al neon ancora presenti al loro interno, batterie e bombole del gas esauste, contenitori plastici di disinfettanti contenenti sostanze pericolose non bonificati, sacchi parzialmente utilizzati e ancora contenenti il conglomerato bituminoso a freddo.

I carabinieri forestali accertavano che l’area era riconducibile a una impresa edile. Il fondo non era tuttavia autorizzato al deposito di rifiuti speciali, non si collocava nelle vicinanze di alcun cantiere edile né era qualificabile come deposito temporaneo. Quindi hanno sottoposto a sequestro penale l’area per una superficie complessiva di 1938 metri quadrati e segnalato i due titolari della ditta edile all’autorità giudiziaria per gestione non autorizzata di rifiuti pericolosi e non pericolosi e deposito incontrollato di rifiuti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Empoli: scoperto e sequestrato deposito abusivo di rifiuti speciali e pericolosi

FirenzeToday è in caricamento