rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

Scuola, nuovo sciopero unitario: "Contratto e assunzioni"

Cgil, Cisl e Uil verso lo sciopero nazionale del 20 maggio, a Firenze manifestazione regionale: "Emergenza nazionale, a giugno mancherà personale per regolare funzionamento"

E' emergenza nelle scuole toscane tra mancato rinnovo del Contratto, personale Ata, Concorsone. Lo denunciano i sindacati, che annunciano la mobilitazione verso lo sciopero nazionale indetto da Cgil, Cisl e Uil per il prossimo 20 maggio. A Firenze è prevista una manifestazione regionale con corteo che terminerà in piazza Strozzi.

"Vogliamo riaprire un confronto col Governo per affrontare tutti questi temi complessi, che necessitano del contributo e del coinvolgimento di chi nella scuola lavora - spiegano Alessandro Rapezzi (Flc Cgil Toscana), Giovanni Vannucci (Cisl Scuola Toscana), Patrizia Fabbroni (Uil Scuola Toscana), Fabio Mancini (Snals Toscana) -. Le riforme sono efficaci se fatte con i lavoratori e non contro di essi. Chiediamo poi alla Regione di intervenire subito sugli organici del personale Ata, i bambini e gli studenti toscani hanno diritto ad un funzionamento normale e sicuro delle scuole".

LE CRITICITA' - "Ad eccezione di un misero riconoscimento economico del 2009 - spiegano i sindacati -, il contratto del personale della scuola è fermo al 2007: il rinnovo è necessario per valorizzare tutti i lavoratori della scuola sempre più vessati da maggiori carichi di lavoro ed uno stipendio che perde sempre più il suo potere di acquisto".

Poi c'è la questione del personale Ata, i custodi. Attualmente in Toscana i precari sono 1.349. Per tutti loro, i primi di giugno scatta l'obbligo di usufruire delle ferie maturate. "Quindi l'attività ordinaria delle scuole (esami terza media e maturità, svolgimento del Concorsone, corsi di recupero) viene messa a rischio. Chiediamo lo sblocco delle assunzioni e la proroga dei contratti in essere al 31 agosto".

Per quanto riguarda il "concorsone" docenti, secondo i sindacati, "l'improvvisazione e la troppa fretta, messe in campo in questi mesi dal Governo, rischiano di esporlo a ricorsi e contestualmente si rischia che a settembre non siano nemmeno pronte le graduatorie, facendo slittare di un anno le assunzioni e creando nuovamente la necessità di migliaia di supplenze". Tra i settori più a rischio, secondo i sindacati, la scuola dell'infanzia, la primaria, le discipline letterarie, scientifiche e linguistiche.

Il Concorsone prevede che in Toscana si assumano oltre 4mila docenti in tre anni. "Ma già da settembre ci sarà bisogno di oltre 2mila docenti (più i precari delle docenza di sostegno che saranno oltre 2mila500). E' necessario - conlcudono i sindacati -, un piano straordinario di assunzioni che coinvolga il personale già abilitato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, nuovo sciopero unitario: "Contratto e assunzioni"

FirenzeToday è in caricamento