Pugni e calci per soldi e smartphone: 4 condanne per la gang di Capodanno

Rapinarono violentemente i passanti: pene fra 5 e 7 anni e mezzo per i giovani magrebini

Rapinarono in modo violento e spietato alcuni passanti la notte di Capodanno. Poi tornarono a colpire qualche settimana dopo. In tutto furono una decina le loro vittime. Ieri i responsabili sono stati condannati in rito abbreviato con pene variabili da 5 anni, a 7 anni e 6 mesi. 

Si tratta di quattro giovani di origine magrebina compresi fra i 18 e i 27 anni, che sono stati identificati anche grazie alla App di uno degli iPhone sottratto in una di queste rapine. Risultavano tutti senza fissa dimora, irregolari in Italia e con diversi precedenti. Per di più al momento della cattura sono apparsi in stato di alterazione dovuto all'assunzione di alcol e sostanze stupefacenti

I quattro si avvicinavano le persone con scuse banali, tipo accendere una sigaretta, e poi le colpivano con estrema violenza per poi portare portare via soldi, vestiti e cellulare (QUI UNA TESTIMONIANZA). Si aprì così l'anno a Firenze per alcune delle vittime, comprese due turiste americane aggredite in via Palazzuolo. Alcune colpite in modo spietato anche mentre erano già a terra, sotto gli occhi increduli dei passanti.

Il gesto si era ripetuto nella notte fra il 23 e il 24 gennaio. Dopo qualche ora erano però stati braccati dai carabinieri. Uno di loro, 19enne marocchino, ha tentato di risarcire alcune delle vittime inviando loro la somma di 200 euro ciascuna. Per questo la sua pena è stata la più lieve. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: Giani preme per anticipare il ritorno in zona arancione (e gialla)

  • Natale: 6 libri ambientati a Firenze da mettere sotto l'albero

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Coronavirus, Giani: "Toscana arancione da domenica"

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 3 dicembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Ex Panificio Militare: i lavori per la nuova Esselunga slittano ancora

Torna su
FirenzeToday è in caricamento