menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bivacchi e ubriachi, in vigore nuova ordinanza: multe e carcere fino a 3 mesi

Palazzo Vecchio lancia l'operazione 'piazze vivibili': vietati 'assembramenti' con bevande e cibo e stazionare sulle panchine da ubriachi

Un'ordinanza ad hoc anti bivacchi, che vieta gli 'assembramenti' con bibite alcoliche e cibo, lo 'stazionamento' sulle panchine e la creazione di giacigli in caso di ebbrezza alcolica. Così prevede l'ordinanza 'Piazze vivibili', presentata ieri dalla vicesindaca Cristina Giachi, in vigore da oggi per i prossimi tre mesi, fino a fine ottobre. Per chi sgarra multe fino a 206 euro e denuncia con sanzione fino a 3 mesi di carcere.

L'ordinanza emessa dall'amministrazione comunale, “anche a seguito di segnalazioni dei cittadini, ha individuato una serie di luoghi dove negli ultimi mesi si sono verificati fenomeni di uso illecito degli spazi pubblici, connesso a reati legati all'abuso di alcol e all'uso di stupefacenti, sfociati talvolta in espliciti fatti violenti”, spiega una nota diffusa da Palazzo Vecchio.

Dove è in vigore la nuova ordinanza anti-bivacchi

Questi luoghi sono i giardini di via Galliano nel quartiere 1, l'area del Parterre compresa piazza della Libertà nel quartiere 2, nel quartiere 3 via Reims (lo slargo in cui insistono la chiesa, il centro anziani e il teatro e il giardino pubblico) e le piazze Bartali e Artusi, piazza Pier Vettori nel quartiere 4, i giardini pubblici tra via Allori e via Baracca nel quartiere 5.

I divieti: stop assembramenti con consumo di cibo e bevande

Negli spazi suddetti da oggi è dunque vietato, spiega l'ordinanza, “creare assembramenti con detenzione e consumo di bevande e di alimenti, salvo i casi di piccoli gruppi di turisti o residenti".

Vietati anche "lo stazionamento sulle panchine, la creazione di giacigli o la detenzione di bevande alcoliche quando tali comportamenti avvengano in stato di ebbrezza alcolica”.

Sull’area del sagrato della Basilica di Santo Spirito il divieto è totale, esteso anche ai 'piccoli gruppi' di turisti e residenti, nella fascia oraria dalle 22 alle 8 del mattino.

L'ordinanza sottolinea anche il divieto di “chiedere o trattare l’offerta di sostanza stupefacente nelle aree di via Allori, via Galliano, piazza Santo spirito e nel Giardino della Catena nel Parco delle Cascine”. Il provvedimento, fortemente voluto dal sindaco Dario Nardella, era stato preannunciato nei giorni scorsi.

“La polizia municipale avrà più strumenti per garantire una maggiore vivibilità nei luoghi indicati. Non è un nuovo regolamento generale, ma un provvedimento urgente limitato ad alcune aree in cui si sono registrate le maggiori criticità e che punta a colpire comportamenti specifici”, spiega Giachi.

“Intensificheremo il contrasto a comportamenti, come i bivacchi molesti, che scoraggiano la frequentazione da parte dei cittadini”, aggiunge l'assessore alla sicurezza Federico Gianassi. Grazie all'ordinanza, contingibile e urgente, gli agenti potranno dunque perseguire comportamenti che normalmente non costituiscono un reato, come la sosta con consumo di alcolici.

Per l'operazione saranno impiegati, su turni, circa 100 vigili. Come si ricorderà l'estate scorsa per arginare lo stesso fenomeno il sindaco Nardella aveva invece lanciato gli 'idranti anti-bivacco'.

Il precedente: Nardella lancia gli idranti anti-bivacco

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento