Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vigili del fuoco morti ad Alessandria: il messaggio di cordoglio di un fiorentino

Un cittadino chiama la sala operativa dopo la tragedia di Quargnento

 

Una telefonata per esprimere cordoglio per i tre vigili del fuoco morti nell'esplosione e nel crollo conseguente di un edificio nel basso Piemonte. E' stato questo il modo con cui un cittadino ha voluto esprimere la sua vicinanza alla centrale dei vigili del fuoco. Cordoglio che si è sommato al minuto di raccoglimento dei vigili del fuoco fiorentini. 

La tragedia

L'esplosione è avvenuta intorno alle 2 della notte tra lunedì e martedì in un cascinale disabitato a Quargnento, in provincia di Alessandria. La squadra era intervenuta nel casale quando si è verificata l'esplosione. Le vittime sono Matteo Gastaldo (46 anni), Marco Triches (38 anni) e Antonino Candido (32 anni). I primi due sono originari di Alessandria, il terzo di Reggio Calabria. Nell'esplosione sono rimasti feriti gli altri due componenti della squadra e un carabiniere. Ancora presto, fanno sapere gli investigatori, per fare un'ipotesi sulle cause dell'esplosione. C'erano bombole di gas nel cascinale: è l'unica certezza. L'ipotesi dolo c'è, perché collegati ad alcune bombole inesplose nella cascina dove sono morti i tre vigili del fuoco c'erano fili elettrici e inneschi rudimentali. Le indagini sono in corso anche se sarebbe stata esclusa la matrice terroristica. 
 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento