Cronaca

Mense scolastiche, ci risiamo: "Cibo scarso e crudo, il Comune non ci ascolta"

La denuncia della commissione mensa del Calamandrei: "Nuovo servizio mal gestito, i nostri figli tornano a casa con la fame"

Pasti freddi, pasta e carne parzialmente cruda. E poi porzioni e condimenti scarsi. Cambiano i metodi, ma i problemi nelle scuole restano e i disagi delle mense si fanno sentire ancora una volta. Con i bambini che tornano a casa con la fame, senza aver mangiato a sufficienza. 

L'ultima denuncia arriva dall'istituto comprensivo Calamandrei, nel quartiere 5, che comprende anche le scuole Mameli e Fanciulli, con oltre 700 bambini e ragazzi. Qui con il nuovo bando del Comune è cambiata la ditta ed il periodo di prova con la nuova cucina (che sarebbe dovuto terminare a giugno) si è interrotto con l'emergenza Covid. E ora la situazione sembra tutt'altro che buona. 

A denunciarla è la stessa responsabile della commissione mensa di tutto il plesso, Elisabetta Morganti. Ha scritto più volta al sindaco Nardella e all'assessore Funaro per segnalare le "gravi inadempienze" nella refezione. Ma nessuno si è ancora mosso.

"Non sono una che fa polemica, sono otto anni che faccio la responsabile: in tutta la mia esperienza ho sempre cercato di agire con buonsenso perché andando allo scontro non si arriva a niente. - spiega - Però adesso nessuno ci ascolta e voglio dire con chiarezza che con la nuova gestione della Dussman, iniziata a gennaio 2020, le cose vanno male".

L'emergenza coronavirus nel mezzo, certo, non ha aiutato. "I bambini adesso mangiano sui propri banchi ed è più difficile gestire il servizio: probabilmente servirebbe più personale", spiega la rappresentante, che però non ha dubbi. "Nei piatti arriva carne e pasta cruda, e le porzioni sono molto scarse. La Mameli è anche la sede del centro cottura: i pasti partono e lì si mangiano le rimanenze, che però non sono evidentemente calcolate bene. Così si ritrovano a improvvisare cucinando in fretta quello che c'è: dalla carne appena scongelata a una pastasciutta cotta troppo velocemente. E i nostri figli con quattro fagiolini nel piatto".

A causa delle misure anti-Covid i genitori della commissione non possono più entrare per le normali visite ispettive, sono quindi bambini e insegnanti a riferire. "La ditta non ha scusanti per questi disservizi e il Comune non li sta sanzionando né mettendo alle strette. - dice ancora Morganti - Quello che è intollerabile è che la prova la stiano facendo a spese di bambini e genitori che non hanno alternative se non sottostare a questo servizio".

"Per la nostra commissione mensa dell'istituto sono state scelte persone anche con competenze nel settore - conclude la responsabile - sono settimane che stiamo denunciando il fatto. Tanti genitori avrebbero voluto scendere in piazza ma io ho cercato sempre di evitare scontri. Ora però il Comune ci dia delle risposte".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mense scolastiche, ci risiamo: "Cibo scarso e crudo, il Comune non ci ascolta"

FirenzeToday è in caricamento