Inceneritore, dopo il no di Campi Palazzo Vecchio insiste: “Lo faremo”

Sull'avvio dei lavori pende la pronuncia del Consiglio di Stato, attesa a breve

“Il termovalorizzatore di Case Passerini si farà”. Parola di Alessia Bettini, assessore all'ambiente del Comune di Firenze, che oggi, lunedì 11 settembre, ha ribadito in aula la posizione dell'amministrazione comunale, dopo il recente 'no' del sindaco di Campi del Pd Emiliano Fossi.

Fossi ha chiesto di archiviare definitivamente l'inceneritore: “E' finita l'epoca in cui le opere si fanno 30 anni dopo la progettazione, e nel frattempo è cambiato il mondo, anche in tema di sensibilità ambientale e ciclo dei rifiuti”, la posizione di Fossi, espressa in un'intervista su Repubblica pochi giorni fa e condivisa da chi, comitati come le Mamme No Inceneritore e forze politiche come Sinistra Italiana (vittoriosa a Sesto alle ultime amministrative proprio sull'onda del no a Case Passerini), chiedono piuttosto una riduzione della quantità di rifiuti prodotti e una maggiore attenzione alla differenziata e al porta a porta.

“La volontà politica di costruire il termovalorizzatore è stata rinnovata ad ottobre 2016, quando l'assemblea dei sindaci dell'Ato Toscana Centro (62 Comuni tra Firenze, Prato e Pistoia, ndr) ha rinnovato la convenzione tra l'Ato e Q-Thermo (la ditta che lo deve costruire, ndr)”, la risposta di Bettini in consiglio. Sulla vicenda pende comunque, dopo la sospensione dei lavori ordinata dal Tar, la pronuncia del Consiglio di Stato, che dovrebbe arrivare ad ottobre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto Firenze riparte a Sinistra, con i consiglieri Trombi, Grassi e Verdi, va all'attacco  sulla gestione della raccolta dei rifiuti durante il 'Firenze Rock', “evento nel quale sono state prodotte 22 tonnellate di indifferenziata. Per il mancato rispetto dell’accordo, che prevedeva la raccolta differenziata, a cura degli organizzatori all’interno della Visarno Arena, è stata pagata una penale di soli 1130 euro. Lo sappiamo: produrre rifiuti indifferenziati serve per fare profitti e rendere necessario l'inceneritore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento