Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Empoli: evasione per oltre 1,3 milioni di euro 

Sequestrati conti correnti, quote societarie, crediti e auto   

 

Nei giorni scorsi i militari della guardia di finanza hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo del valore di 1.358.047 euro, nei confronti di una ditta individuale e tre imprenditori cinesi operanti, in provincia, nel settore della produzione (per conto terzi) di sacchetti ed accessori tessili utilizzati per il packaging di articoli di pelletteria.

Il provvedimento, emesso dal gip Angela Fantechi, su richiesta del sostituto procuratore Giuseppe Ledda, ha consentito di sequestrare agli autori della frode tutte le liquidità giacenti sui conti correnti, quote e crediti societari nonché due auto di grossa cilindrata, cautelando, a favore dell’Erario, un valore economico di fatto pari all’evasione.

L’attività investigativa, condotta dalle fiamme gialle di Empoli e diretta dalla Procura della Repubblica di Firenze, è scaturita da una verifica fiscale nei confronti dell’impresa individuale, che, al fine di evadere le imposte, rilasciava ai propri committenti fatture con i valori effettivi dell’operazione economica, per poi o distruggerle o sostituirle con documenti recanti importi inferiori, contabilizzando quindi solo una parte dei reali incassi.

Nel corso dell’indagini, il titolare di fatto dell’azienda, venuto a conoscenza delle contestazioni in atto, ha avviato una serie di operazioni societarie e contrattuali finalizzate ad alienare il patrimonio personale a favore di propri congiunti, incorrendo quindi anche nella commissione dell’ulteriore reato della sottrazione fraudolenta di beni e valori al pagamento delle imposte.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento