Cronaca

Maxi rissa tra ultras del Brescia e del Verona: avviate le procedure di daspo per 79 tifosi

I tifosi si incontrarono in un autogrill dell'autostrada A1. Un giovane tifoso del Verona fu ricoverato a Ponte a Niccheri

Avviate le procedure di daspo per 79 tifosi bresciani dopo che il 27 settembre scorso furono protagonisti di una maxi rissa all’autogrill Chianti Ovest, sull’autostrada A1. La rissa scoppiò quando i bresciani si trovarono di fronte ai tifosi del Verona.

I tifosi del Brescia erano in viaggio per raggiungere Perugia (gara poi conclusa con la vittoria dei padroni di casa) mentre quelli dell’Hellas Verona andavano a Roma, per l’anticipo del sabato contro i giallorossi. Tifoserie e gruppi ultras che definire nemici è un eufemismo. Ma che si incontrarono casualmente all’ora di pranzo, per quella che si trasformò in una mattinata da incubo.  Pochi i contusi, per fortuna: solo un giovane tifoso del Verona fu ricoverato all’ospedale di Ponte Niccheri. La digos di Firenze ha analizzato i filmati avviando quindi le procedure per il divieto di ingresso allo stadio. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi rissa tra ultras del Brescia e del Verona: avviate le procedure di daspo per 79 tifosi

FirenzeToday è in caricamento