Via di Novoli: Sfonda un portone, si mette a urlare e aggredisce la polizia, arrestato

L’uomo sarebbe stato sotto l’effetto di alcol e droga

Ha seminato il panico in via di Novoli ieri intorno alle 19 quando un uomo ha danneggiato un’auto e una moto in sosta ed è entrato nel portone di un palazzo. Sul posto la polizia chiamata da alcune persone preoccupate. L’uomo, un cittadino georgiano di 25 anni, ha aggredito gli agenti. Per il 25enne sono scattate le manette.

L’uomo, dopo aver danneggiato il finestrino di un’utilitaria e una moto parcheggiata, ha sfondato il portone d’ingresso di un palazzo dove è entrato e ha cominciato a gridare  contro una persona ( probabilmente  inesistente). All’arrivo degli agenti si è scagliato contro di loro prendendoli a calci e pugni, nel frattempo si era tolto la maglietta. Una volta fatto salire sulla volante il 25enne non si è calmato bensì ha cominciato a tirare calci tanto da rompere il finestrino della vettura. E’ stato accompagnato in questura dove sono stati chiamati i sanitari ma il 25enne ha inveito anche contro di loro. Il personale del 118 lo ha portato all’ospedale di Santa Maria Nuova dove è stato sedato.  Sarebbe poi risultato positivo a alcol e droga.

In nottata è stato portato nel carcere di Sollicciano.  Le accuse sono danneggiamento aggravato (anche dell’auto della polizia), violazione di domicilio aggravato (per essersi introdotto nel palazzo), oltraggio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. I due poliziotti feriti, medicati al pronto soccorso, hanno riportato entrambi una prognosi di otto giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "Possibile Toscana arancione a inizio dicembre"

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 20 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Rinnovo della patente di guida: tutte le informazioni

  • Coronavirus: un nuovo Dpcm, dieci giorni per i regali e regole per lo shopping. Come sarà il Natale 2020

  • Coronavirus Toscana, 50.000 commercianti: "Sciopero fiscale, non paghiamo più le tasse"

Torna su
FirenzeToday è in caricamento