Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Coronavirus, la catena umana dei commercianti toscani contro le chiusure: "Salute e lavoro possono convivere"

Il terziario si mobilita: lunedì primo marzo Confcommercio e Confesercenti portano nelle piazze toscane imprenditori e lavoratori per la manifestazione “Salviamo le imprese"

Si svolgerà lunedì 1 marzo la grande mobilitazione, organizzata da Confcommercio Toscana e Confesercenti Toscana, che coinvolgerà gli imprenditori del terziario di tutta la regione per reclamare una diversa gestione dell’emergenza, alternativa alle chiusure imposte dalle normative antiCovid. 

In tutti i capoluoghi di provincia toscani, titolari di azienda, liberi professionisti, dipendenti e collaboratori ma anche semplici cittadini si daranno appuntamento nelle piazze o strade principali per mettere in scena una lunga, immobile e silenziosa “catena umana”. In piedi, uno accanto all’altro (ma a distanza di sicurezza), indossando alcuni cartelli esplicativi, testimonieranno come e quanto le loro attività siano interconnesse, tanto che la chiusura imposta ad alcune si riflette in una consistente flessione del lavoro per tutti.

L’iniziativa è stata presentata ufficialmente durante una conferenza stampa nella sede della Camera di Commercio di Firenze, alla presenza dei presidenti regionali delle due associazioni di categoria Anna Lapini (Confcommercio Toscana) e Nico Gronchi (Confesercenti Toscana), dei rispettivi direttori regionali Franco Marinoni e Massimo Biagioni e dei presidenti di Confcommercio Firenze Aldo Cursano e Confesercenti Firenze Claudio Bianchi. 

Turismo: sindacati e confcommercio insieme per un marchio "Covid free"

“Le nostre associazioni rappresentano oltre settantamila imprese del terziario toscano e in questi giorni stiamo raccogliendo la sollecitazione di tutti i nostri iscritti: dai titolari di palestre, cinema, locali da ballo e altri luoghi di intrattenimento, in difficoltà ormai da un anno, agli imprenditori del turismo, che hanno visto crollare i loro fatturati fino al 90%. Ma ci saranno anche gli ambulanti, i commercianti di vari settori, dagli articoli sportivi alla moda, poi le rappresentanze di bar e ristoranti, aperti e chiusi a singhiozzo ormai da mesi, con i loro dipendenti, i loro fornitori e tutti i professionisti e lavoratori che a vario titolo gravitano intorno al mondo del terziario, come grafici, commercialisti, comunicatori, grossisti, trasportatori e così via”, dicono i direttori regionali di Confcommercio Franco Marinoni e di Confesercenti Massimo Biagioni.

Confesercenti: "Vogliamo lavorare, non vivere di sussidi"

“È passato un anno dall'inizio della pandemia, evidenzia Nico Gronchi, presidente di Confesercenti Toscana, e in questo anno abbiamo perso oltre 100 mld di consumi, 200 mila lavoratori autonomi tra imprenditori, collaboratori e liberi professionisti e le strade per combattere il virus sono ancora chiudere le attività (oltre 100 giorni i negozi e 160 bar e ristoranti), restrizioni ed una corsa ad ostacoli per i vaccini. Chiusure, regole cambiate all'ultimo e indennizzi a singhiozzo, stanno distruggendo l'economia "buona" di questa Regione ed è per questo che con questa iniziativa vogliamo chiedere, tutti insieme, un cambio di passo: Le imprese vogliono lavorare, non vivere di sussidi e sono pronte ad assumersi la responsabilità di farlo in piena sicurezza"   

Confcommercio: "Imprese non reggerebbero un altro lockdown"

“Vogliamo portare alla luce i volti e le storie di chi finora ha solo subìto le norme restrittive imposte a suon di Dpcm, senza però che questo sacrificio si sia tradotto in un arresto deciso della pandemia– sottolinea la presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini – la salute sta a cuore a tutti noi ma siamo convinti che si possa, e si debba, imparare a conciliare la sicurezza anti Covid-19 con il lavoro. Le nostre imprese trattengono il fiato da un anno, non possono reggere altri lockdown. Oltre tutto, nel mondo scientifico qualcuno da tempo avanza l’ipotesi che di pandemie come questa in futuro ne vedremo altre. Sarà forse il caso di progettare un piano b”.

La mobilitazione fiorentina

Presenti in conferenza stampa anche i presidenti di Confcommercio Firenze Aldo Cursano e di Confesercenti Firenze Claudio Bianchi, pronti nel capoluogo a fare da capofila alla mobilitazione che sarà declinata in tutte le principali città toscane. “A Firenze ci ritroveremo tutti lunedì 1° marzo alle ore 11 in via Verdi, di fronte al ristorante dell’imprenditore che nell’agosto scorso, schiacciato dal peso della situazione pandemica, ha compiuto l’estremo gesto - anticipano i due presidenti Aldo Cursano e Claudio Bianchi – e da lì si snoderà la catena umana di coloro che intendono condividere il nostro grido di dolore! Sarà una manifestazione estremamente ordinata, pacifica e silenziosa, come nel nostro stile, e rispettosa delle misure di sicurezza”. A conclusione della manifestazione, una delegazione delle due associazioni di categoria consegnerà un documento unitario al prefetto di Firenze.  

LE INIZIATIVE TERRITORIALI

  • AREZZO. La catena umana si svilupperà lungo tutto il Corso Italia, sarà composta da oltre 300 imprenditori del terziario divisi in 7 frazioni. Partirà dai Bastioni di Santo Spirito (inizio del Corso) e arriverà in via di Seteria (ingresso a piazza Grande) ai piedi della Pieve.
  • FIRENZE. La catena umana prenderà avvio dal ristorante “La Maremma”, in via Verdi 16/r, luogo purtroppo diventato il simbolo delle devastanti conseguenze del Covid-19, che hanno portato il titolare dell’attività all’estremo gesto di togliersi la vita. Percorrerà via Verdi fino a piazza Salvemini, si snoderà lungo tutto Borgo degli Albizi per poi proseguire in via del Proconsolo e terminare quindi in piazza Duomo 10, sede della Presidenza della Regione Toscana. 
  • GROSSETO. La catena umana si svilupperà in forma circolare in piazza Dante, luogo centrale del capoluogo di provincia toscano con l’indice di contagi più basso in assoluto. Che, per questo, chiede un trattamento differenziato dal resto della regione
  • LIVORNO. La catena umana si articolerà lungo i lati di piazza Grande
  • LUCCA. La catena umana si svilupperà in piazza Napoleone
  • VIAREGGIO. La catena umana si svilupperà sotto il palazzo del Comune
  • MASSA. La catena umana si svilupperà sotto la Prefettura in piazza Aranci
  • PISA. La catena umana si articolerà in piazza dei Miracoli, ai piedi della torre pendente
  • PISTOIA. Presumibilmente nel capoluogo di provincia di Pistoia, da definire
  • PRATO. Presumibilmente nel capoluogo di provincia di Prato, da definire
  • SIENA. Raduno in piazza Duomo di fronte alla Prefettura, con presenza statica, mascherine e rispetto del distanziamento, riempiendo lo spazio della piazza

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la catena umana dei commercianti toscani contro le chiusure: "Salute e lavoro possono convivere"

FirenzeToday è in caricamento