Cantieri: caldo e mascherine, allarme colpi di calore

Le protezioni anti-Covid alzano l'allerta, la Cgil: "Pause ed aree ombreggiate per scongiurare malori"

“Con l’estate c’è il rischio di colpi di calore per i lavoratori edili". Come ogni estate chi lavora all’aperto è a forte rischio di colpo di calore. Ma quest'anno c'è un ulteriore aggravio di disagio per i lavoratori dell’edilizia: le prescrizioni da rispettare per difendersi dal contagio da Covid. La Fillea Cgil Firenze lancia l’allarme.

"Invitiamo i soggetti i coinvolti nei cantieri a rispettare le misure di sicurezza in tal senso - ancor più necessarie quando, oltre al caldo, gli operai sono giustamente obbligati ad indossare la mascherina anti Covid - ed esortiamo gli organismi ispettivi a fare appositi controlli”.

“Siamo costretti a lanciare un grido di allarme, per il rischio di colpo di calore nei cantieri edili del territorio fiorentino e per il mancato rispetto delle linee di indirizzo predisposte dal Dipartimento di Prevenzione e igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro - dice Marco Carletti, segretario generale Fillea Cgil Firenze -. Sarebbe utile che tutti i soggetti coinvolti nel cantiere, committenza, appaltatore, direttore dei lavori e coordinatore della sicurezza, si adoperassero affinché le misure di mitigazione del rischio siano puntualmente rispettate”.

“E’ assolutamente necessario - aggiunge Carletti - che siano presenti aree ombreggiate e fresche, che si prevedano e si facciano usufruire pause di 10 minuti per ogni ora di lavoro, che ci sia sempre acqua fresca con l’aggiunta di opportuni sali minerali. Questo prevedono le linee di indirizzo contro il colpo di calore per chi lavora al sole, come gli operai edili. Tali prescrizioni sono ulteriormente necessarie quando, oltre al caldo, si è giustamente obbligati ad indossare la mascherina e altri dispositivi contro il contagio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ci piacerebbe - conclude il sindacalista - che tutti gli organismi di controllo e ispettivi, in queste ore, uscissero dai loro uffici e si impegnassero ad evitare che i lavoratori dei cantieri edili possano sentirsi male a causa dell’eventuale mancato rispetto delle norme sulle alte temperature stagionali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • I migliori locali low cost d'Italia, cinque sono a Firenze. Ecco dove mangiare bene e spendere poco

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Ristoranti, due locali di Firenze nella classifica dei migliori ristoranti di lusso

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento