Corte d'Appello: dimezzata la pena al prete pedofilo

Don Paolo Glaentzer, ora ridotto allo stato laicale, fu arrestato in flagranza dopo essere stato trovato in auto con una bambina a Calenzano. In primo grado era stato condannato a 4 anni e 4 mesi

Foto da Change.org

La Corte d'Appello di Firenze ha dimezzato la pena inflitta all'ex sacerdote Paolo Glaentzer, condannato in primo grado a 4 anni e 4 mesi di reclusione dal tribunale di Prato il 5 marzo 2019 per violenza sessuale su una bambina di 10 anni.

L’ex parroco di San Rufignano a Calenzano, 72 anni, fu trovato in auto nel luglio 2018 mentre abusava di una bimba di 10 anni. Rischiò il linciaggio. Fu messo agli arresti domiciliari.

A sorprenderlo furono alcuni vicini della piccola. L'uomo - condannato ieri a 2 anni e 2 mesi - avrebbe dovuto riaccompagnarla a casa.

Il sacerdote, ridotto allo stato laicale da Papa Francesco dopo la prima condanna di un anno fa, ha beneficiato delle attenuanti generiche, che i giudici hanno ritenuto prevalenti sull’aggravante di aver commesso il fatto nell’esercizio delle funzioni di ministro di culto.

Ai genitori della piccola, rappresentati dagli avvocati Francesco Stefani e Fabio Generini, il collegio presieduto da Maria Teresa Scinicariello ha riconosciuto una provvisionale di risarcimento da 2.500 euro ciascuno.

 Al termine del processo di primo grado, celebrato con il rito abbreviato, Glaentzer era stato condannato a un risarcimento di 50.000 euro verso la piccola, rappresentata da un tutore legale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Follia in Appennino: contromano per 40 chilometri sull'autostrada A1

  • Toscana in "zona gialla rafforzata": cosa si potrà fare e cosa no

  • In Toscana torna il weekend in zona gialla: cosa si può fare e cosa no

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 16 gennaio 2021: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 13 gennaio 2021: le previsioni segno per segno

  • Scomparso nel Senese la vigilia di Natale, lo ritrovano perché ubriaco si schianta a Firenze contro un semaforo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento