rotate-mobile
L'aggressione / Castelfiorentino

Picchia il padre, fermato dai carabinieri con il taser

Il 23enne, irregolare, è stato espulso e accompagnato in un Cpr in attesa del rimpatrio

Un 23enne di nazionalità albanese è stato fermato dai carabinieri della compagnia di Empoli dopo aver aggredito il padre; nel tardo pomeriggio di ieri i militari hanno poi proceduto alle operazioni di espulsione dal territorio nazionale. 

Il giovane rientrato nell’abitazione che condivideva con altri familiari, in preda ad una forte alterazione psicofisica dovuta a un mix di alcol e droga, aveva iniziato ad inveire e minacciare il padre fino a colpirlo al volto e alla testa, nonostante l’arrivo dei carabinieri. Il 23enne aveva poi cercato di aggredire anche i militari che lo hanno immobilizzato con il taser. A questo punto, eseguiti tutti gli accertamenti ed il fotosegnalamento, il giovane (con numerosi precedenti) è stato accompagnato presso gli uffici della Questura di Firenze, è risultato irregolare e così è stato avviato l’iter per l’espulsione, con accompagnamento al Cpr di Bari in attesa di rimpatrio.

La polizia ha eseguito altri due provvedimenti analoghi a carico di un cittadino peruviano di 38 anni, noto alle forze di polizia soprattutto per reati contro il patrimonio e la persona e per un 41enne di nazionalità marocchina, scarcerato a Firenze e con precedenti di polizia per diverse tipologie di reato (anche predatori).

Sorpreso con 41 dosi di eroina

Continua a leggere su FirenzeToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia il padre, fermato dai carabinieri con il taser

FirenzeToday è in caricamento