rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Basket

Use Computer Gross che peccato. A Cecina arriva una sconfitta amara

Si può dire peccato, perché l’80-77 che l’Use Computer Gross incassa a Cecina lascia tanta amarezza

Si può dire peccato, perché l’80-77 che l’Use Computer Gross incassa a Cecina lascia tanta amarezza. In condizioni a dir poco difficili, con pivot e play titolari a guardare la partita (il primo ormai da tempo, il secondo dopo appena 39 secondi di gioco), i ragazzi di Luca Valentino arrivano tanto così dal portarla via o quantomeno dal giocarsi il finale con legittime speranze di vittoria.

Ed invece, per ben due volte, la tripla che avrebbe sancito il pareggio rendendo a dir poco imprevedibili i secondi finali muore sul ferro e consente all’ex Andrea Da Prato di portare a casa la vittoria. Con Rosselli in campo per 40 minuti filati e gli altri giocatori chiave con minutaggi altrettanto importanti, è evidente che alla fine la squadra non può che pagare in lucidità, quella che finali del genere richiedono sempre di avere. Di buono ci sono la prestazione, l’atteggiamento, l’aver mantenuto la differenza canestri ed anche i risultati che arrivano dagli altri campi e che lasciano i biancorossi nel quartetto di testa.

C’è Sesoldi in quintetto mentre Giannone e Rosselli trovano subito una tripla a testa. Quartuccio si tocca una gamba, chiude la sua partita e lascia il posto a Baccetti che appoggia il 6-10. Bruni sorpassa sull’11-10 e Cecina allunga con l’ex Turini e Pistolesi sul 20-12, obbligando coach Valentino al minuto. Al 10’ siamo 22-12 col sigillo di Bruni. Rosselli torna a segnare e poco dopo fa lo stesso Giannone per il 26-19. A metà il parziale è 7-7 con l’Use che si riavvicina fino al 32-25 di Rosselli. Di Turini dall’arco il 37-26 ed al riposo le squadre vanno sul 43-28 con i biancorossi che giocano male l’ultimo attacco lasciando ancora a Turini la tripla sulla sirena.

L’Use riparte a zona e col Calabrese show: prima appoggia il 45-30, poi mette la tripla del 45-33 e completa con un gioco da 4 punti: 45-37. Pistolesi scuote i suoi col 48-37 ed i compagni raccolgono l’invito portandosi sul 53-40. La situazione falli non è felice con Baccetti e Rosselli a 3, mentre Pedroni segna dalla lunetta il 57-46. L’Use non riesce a riavvicinarsi molto, ma ha il grande merito di non mollare e crederci toccando con Cerchiaro e Giannone il 60-52 del 30’. Ancora i due aprono con una tripla a testa: 60-58. L’Use sbaglia due volte il sorpasso e Turini mette il primo canestro dei suoi: 62-58. Segue una fase nervosa con il 65-63 a firma Giannone al 5’ e Cecina che piazza un mini-break di 4-0: 69-63. Cerchiaro dalla lunga per il 69-66 e subito dopo Giannone mette il 69-68. Gran tripla di Pistillo con Giannone che segna tre liberi: 72-71 a 2'30” dalla sirena. Bruni dall’arco per il 75-71 e pronta replica di Calabrese con un gioco da 3 punti: 75-74. Turini segna i liberi del 77-74 e Giannone non trova la tripla del pareggio. Cecina sbaglia ed è Calabrese a fallire di nuovo la tripla del possibile pareggio. Coach Valentino chiama minuto quando mancano 18 secondi alla sirena. Si va al fallo sistematico e Bruni mette i liberi del 79-74. Di secondi ne mancano 15 ed alla ripresa il fallo di Calabrese chiude la partita. Finisce 80-77.

Domenica al Pala Sammontana arriva la capolista Virtus Siena. La parola d’ordine è crederci, ma che ci crede, eccome, la squadra l’ha dimostrato stasera.

SWAG BASKET CECINA

Milojevic 5, Bertini ne, Mazzantini 8, Bresinski ne, Bruci ne, Carlotti, Bruni 13, Pistillo 10, Turini 26, Piatolesi 13, Dalle Ave ne, Pedroni 5. All. Da Prato (ass. Corbinelli)

USE COMPUTER GROSS

Giannone 23, Ramazzotti ne, Baccetti 2, Sesoldi 5, Rosselli 11, Fogli ne, Calabrese 17, De Leone ne, mazzoni 10, Quartuccio, Tosti ne, Cerchiaro 9. All. Valentino (ass. Elmi/Cappa)

Arbitri: Montano di Siena e Posarelli di Grosseto

Parziali: 22-12, 43-28 (21-16), 60-52 (17-24), 80-77 (20-25)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Use Computer Gross che peccato. A Cecina arriva una sconfitta amara

FirenzeToday è in caricamento