menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il castello di Sammezzano

Il castello di Sammezzano

Fai, Castello di Sammezzano al secondo posto dei Luoghi del cuore. Premio da 90mila euro che potrebbe non essere investito

Se il progetto di recupero della Sammezzano srl rimarrà a scopo di lucro, ovvero la creazione di un resort, il Fai non potrà erogare i fondi

Un "unicum" in tutto e per tutto, il Castello di Sammezzano sa far discutere anche quando vince. Per la seconda volta si è aggiudicato una posizione degna di nota a I Luoghi del Cuore del Fai (Fondo Ambientale Italiano) raggiungendo il secondo posto con 62.690 voti (nel 2016 si posizionò primo). Queste vittorie mutilate lasciano purtroppo l'amaro in bocca sia al Fai sia ai comitati che da anni si battono per la salvaguardia del gioiello di Reggello. I luoghi che si posizionano al primo, secondo e terzo posto si aggiudicano un premio, rispettivamente, di 50 mila, 40 mila e 30 mila per un progetto che dovrà ricevere l'approvazione dal Fai. "Se nella Società permane la volontà di crearne un resort questi fondi non potranno essere erogati - ripondono dal Fai - in quanto si tratta di un progetto con scopo di lucro. Al momento i fondi sono congelati in attesa di novità da parte della Sammezzano srl (la società proprietaria)". "I fondi, che complessivamente ammontano a 90 mila euro (50mila nel 2019 e 40mila quest'anno, ndr), saranno investiti solo se il bene rimarrà aperto al pubblico e fruibile, altrimenti non saranno elargiti. Il problema non sta nell'essere un bene in mano a privati ma nella destinazione che ne voglio fare" spiegano ancora dal Fai.

Durante la conferenza stampa di presentazione della classifica dei Luoghi del Cuore, Marco Magnifico, Vicepresidente Esecutivo FAI, ha rivolto un'accorata richiesta alla società - rappresentata dal geometra Gianni Ulivi: "Ma santa pace vogliamo mettere un punto a questa storia o no? Che tempi prevede geometra, per davvero però!". "La società ha passato momenti non rosei - ha risposto Ulivi -, da novembre 2019 i soci hanno tolto la società dal fallimento, ciò significa anche pagare tutti i dipendenti che non erano stati saldati. Abbiamo provveduto alla manutenzione ordinaria e la prossima settimana sarà consegnato ai soci il business plan con i lavori per essere approvato. Gli interventi principali interesseranno la palazzina cinese, la viabilità principale e tutte quelle che sono le regimazioni delle acque. Questi interventi sono stati individuati durante l'incontro in loco con il soprintendente e l'architetto Masiello. In quindici, venti, giorni conto di presentare i progetti al soprintendente Pessina". "Siamo molto amici del soprintendente e la talloneremo, l'abbiamo sempre fatto, ma ora ancora di più! E' un capolavoro, avete nelle vostre mani una grande responsabilità" ha aggiunto il Vicepresidente Esecutivo FAI. Il geometra ha voluto sottolineare che "è vero noi abbiamo gestito così-così, ma ci sono state vicende che hanno navigato contro la società, ma voglio dire che non è mai stata fatta una lottizzazione e quando inizieranno i lavori si potrà lavorare sull'intera proprietà in quanto è rimasta intatta".  Anche il presidente del Fai, Andrea Carandini, ha espresso il suo pensiero: "Per me è un bene che deve essere salvato dallo Stato italiano, non va dimenticato".

Federica Armiraglio, responsabile de I luoghi del Cuore, ha spiegato che il progetto di Fai e Intesa Sanpaolo è uno strumento concreto di aiuto per la messa in sicurezza e il restauro di luoghi più o meno abbandonati. In diceci edizioni sono stati finanziati 119 progetti in 19 regioni dal 2003 ad oggi. "Tutti i luoghi che hanno ricevuto almeno 2mila voti a marzo potranno partecipare al bando per richiedere interventi di restauro o valorizzazione. I primi classificati riceveranno rispettivamente 50mila, 40mila e 30mila euro, i due vincitori delle classifiche speciali ("Luoghi storici della salute" e "Italia sopra i 600 metri") 20mila euro ciascuno che andranno all’Ospedale e Chiesa di Ignazio Gardella e all’Eremo di Sant’Onofrio al Morrone". Un premio anche per il luogo che ha ricevuto più voti via web,  che sarà raccontato con un video promozionale, ad aggiudicarselo il Ponte Acquedotto di Gravina. 

La classifica nazionale de I Luoghi del Cuore del Fai

1° Posto con 75.586 voti totali
Cuneo-Ventimiglia-Nizza: la ferrovia delle meraviglie

Ventimiglia, Cuneo

2° Posto con 62.690 voti totali
Castello e parco di Sammezzano

Reggello, Firenze

3° Posto con 43.469 voti totali
Castello di Brescia

Brescia

4° Posto con 40.521 voti totali
La via delle Collegiate

Modica, Ragusa

5° Posto con 30.391 voti totali (vincitore del premio speciale "Luoghi storici della salute")
L'ospedale e la chiesa Ignazio Gardella

Alessandria

6° Posto con 30.226 voti totali
Chiesa rupestre di San Nicolò inferiore

Modica, Ragusa

7° Posto con 25.726 voti totali
Ponte Acquedotto

Gravina in Puglia, Bari

8° Posto con 25.412 voti totali
Chiesa di San Michele Arcangelo di Pegazzano

La Spezia

9° Posto con 22.442 voti totali
Eremo di Sant'Onofrio al Morrone

Sulmona, L'Aquila

10° Posto con 21.988 voti totali
Museo dei Misteri di Campobasso

Campobasso.

La classifica toscana de I Luoghi del Cuore Fai

La numerazione si riferisce alla posizione nella classifica nazionale. La Città Metropolitana vanta ben tre siti all'interno della classifica toscana: il Castello di Sammezzano, la Villa Medicea Ambrogiana a Montelupo e la Chiesa di San Pantaleone Martire a Vinci.

2° con 62.690 firme

Castello e parco di Sammezzano, Reggello (FI)

14° con 18.183 firme

Stazione Radiotelegrafica Guglielmo Marconi a Coltano (PI)

43° con 7.371 firme

Abbazia di San Galgano, Chiusdino (SI)

54° con 6.310 firme

Chiostro di Buggiano Castello (PT)

62° con 5.733 firme

Villa Medicea Ambrogiana, Montelupo Fiorentino (FI) 

72° con 5.267 firme

Borgo Toscano Vico Pancellorum e Pieve Romanica, Bagni di Lucca (LU) 
E' un paesino di 5mila anime in cui gli stagnini ambulanti vivevano, la loro condizione era talmente particolare che avevano creato una propria lingua la Arivaresca, che ancora oggi trova spazio tra i cittadini. Tra le parole c'è ad esempio "fangose" che significa "scarpe".

103° con 3.964 firme

Terme del Corallo, Livorno 

109° con 3.840 firme

Pieve S. Giovanni decollato, l'organo - Rocca di Montemurlo (PO)

132° con 3.091 firme

Lucchio e la sua rocca, Bagni di Lucca (LU) 

142° con 2.955 firme

Chiesa e museo di San Cassiano di Controne, Bagni di Lucca (LU)

158° con 2.715 firme

Rocca Silvana, Castell’Azzara (GR)

159° con 2.699 firme

Terme Tettuccio, Montecatini terme (PT) 

164° con 2.625 firme

Il Cammino Di Santa Giulia, da Livorno a Brescia 

187° con 2.400 firme

Chiesa di San Pantaleone Martire, Vinci (FI).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento