Centri estivi Santo Stefano: tante attività in piena sicurezza

Paola Zanobetti (Pubblica Assistenza): “Collaborazione qualificante con Santo Stefano”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

Non ci si annoia mai ai centri estivi organizzati da Santo Stefano Basket in collaborazione con la Pubblica Assistenza. La mattina sono previsti giochi di gruppo e attività sportive, il pomeriggio laboratori ma anche aiuto allo studio. Ogni attività è svolta nel pieno rispetto delle normative anti-contagio: i bambini partecipano divisi in piccoli gruppi e lavorano molto all'aperto grazie ai locali messi a disposizione dalla Pubblica Assistenza. Non solo sport ma anche musica e arte con maestri e insegnanti che hanno partecipato ai laboratori mettendo a disposizione dei bambini le loro competenze. C'è stato tempo anche per iniziare a coltivare un piccolo orticello che i bambini vedranno crescere nelle prossime settimane. Gli istruttori propongono sempre un'esperienza differente che i bambini dimostrano di apprezzare molto e che permette di imparare qualcosa di nuovo. I centri estivi sono iniziati lo scorso lunedì 15 giugno e dureranno fino al 7 agosto. Soddisfazione da parte della Pubblica Assistenza per lo svolgimento dei centri estivi. “La collaborazione con la società Santo Stefano Basket è un elemento qualificante per la nostra associazione” afferma Paola Zanobetti, Responsabile dei Volontari. “Il percorso che stiamo facendo insieme può essere preludio a nuove ulteriori collaborazioni nell'intento di creare a Campi Bisenzio sempre più punti di riferimento e di aggregazione per i giovani”.

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento