rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Politica Centro Storico / Piazza della Signoria

Palazzo Vecchio: lo stralcio delle cartelle esattoriali va in aula ma il consiglio comunale viene rinviato

Draghi (FdI): "Non risultano altri precedenti dal 1990, la maggioranza non aveva i numeri e rischiava di farsi bocciare la delibera" proposta dall'assessore al bilancio Bettarini e intitolata 'Disapplicazione delle disposizioni in merito allo stralcio delle cartelle esattoriali'

E' stata rinviata la seduta del consiglio comunale di Firenze, prevista per domani giovedì 26 gennaio, che aveva come unico punto all'ordine del giorno una delibera proposta dall'assessore al bilancio Giovanni Bettarini dal titolo 'Disapplicazione delle disposizioni in merito allo stralcio delle cartelle esattoriali', cioè di una delle recenti disposizioni introdotte dal Governo in funzione della cosiddetta 'pace fiscale'.

"Non risultano altri precedenti dal 1990, è una pagina brutta per il Consiglio comunale - ha detto il capogruppo di Fdi Alessandro Draghi -. Il motivo del rinvio è legato alla maggioranza che non aveva i numeri, rischiando così di farsi bocciare la delibera".

Bilancio: il Comune di Firenze sceglie di non ‘rottamare’ le cartelle fiscali per multe e tributi

Secondo Nicola Armentano, capogruppo Pd a Palazzo Vecchio, invece, "sono le opposizioni che avevano chiesto più tempo. Giovedì scorso hanno manifestato la volontà di chiedere più giorni per analizzare il provvedimento". Controreplica dei consiglieri comunali di Fdi, Lega, Fi e gruppo Centro: "Eravamo pronti a tutto quanto consentito dal regolamento per bloccare l'approvazione della delibera" sullo stralcio delle cartelle esattoriali, "ci viene da pensare che non ci sia la maggioranza per approvare la delibera e che il presidente dell'Assemblea sia stato costretto a scendere in campo a salvaguardia del sindaco Nardella".

"Una decisione sbagliata che non accettiamo minimamente - attaccano le opposizioni -. Pertanto, nelle prossime ore, faremo le dovute valutazioni per capire se il presidente Milani sia ancora adeguato a svolgere correttamente il suo ruolo".

I consiglieri dell'opposizione sottolineano infine che "il rinvio è strumentale, contrasta con quanto sostenuto fino ad oggi dalla giunta che avendo fretta di approvare la delibera ha persino chiesto la procedura di urgenza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo Vecchio: lo stralcio delle cartelle esattoriali va in aula ma il consiglio comunale viene rinviato

FirenzeToday è in caricamento