rotate-mobile
Politica

Nardella insignito della Legione d’Onore

Il riconoscimento a Palazzo Farnese

Il sindaco Dario Nardella insignito della più alta onorificenza conferita dallo Stato francese. Da ieri,  infatti, è un nuovo Cavaliere nell'ordine della Legione d'Onore (Chevalier de la Légion d'Honneur). Riconoscimento firmato Emmanuel Macron. Ora, dopo la cerimonia organizzata a palazzo Farnese, nella sede romana dell'ambasciata francese, è ufficiale. E che l'onorificenza sia di un certo peso lo dimostra anche la platea presente alla cerimonia: imprenditori italiani e francesi (come Diego Della Valle), ma anche il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, e il segretario del Partito democratico, Enrico Letta, la direttrice generale del Dis, Elisabetta Belloni, l'ad della Rai, Carlo Fuortes.

L'ambasciatore, Christian Masset, nel suo intervento ha voluto "rendere omaggio alla carriera di Nardella e al suo impegno per accrescere l'amicizia tra Italia e Francia, sia come sindaco di Firenze sia come presidente della più importante organizzazione di sindaci europei, Eurocities", si spiega. Ha sottolineato, quindi, il suo impegno per "sviluppare la cooperazione culturale, economica e politica tra Italia e Francia" e in generale il suo importante legame con il Paese d'oltralpe. Ha ricordato, poi, con gratitudine "il contributo inestimabile" del sindaco nel salvaguardare l'Institut français di Firenze. Inoltre, si è soffermato sulle testimonianze di solidarietà del primo cittadino durante alcune tragedie che hanno colpito la Francia, "ad esempio dopo l'incendio di Notre-Dame organizzando personalmente un piano di sostegno, coinvolgendo architetti e artigiani della città di Firenze, per aiutare a ricostruire la nostra cattedrale parigina"

Nardella, presa la parola, ha voluto ringraziare "il presidente della Repubblica Emmanuel Macron e l'ambasciatore per avermi conferito questa prestigiosissima onorificenza, che immeritatamente ricevo. Lo vivo come una spinta a intensificare sempre di più i rapporti tra la città di Firenze e la Francia, per essere all'altezza di legami storici e solidi che risalgono a molti secoli fa. La vivo anche come un riconoscimento all'intera comunità fiorentina per aver incessantemente coltivato negli ultimi anni relazioni culturali, economiche e più in generale sociali con la comunità francese presente nel nostro territorio provinciale e nazionale". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nardella insignito della Legione d’Onore

FirenzeToday è in caricamento