Comune: sospesa la messa mora dei dipendenti fino al novembre 2015

Nessun prelievo in busta fino al 31 ottobre 2015 per oltre 3.000 dipendenti pubblici dall'ipotesi di danno erariale pari a 9 milioni di euro. Palazzo Vecchio, con l'atto di dilazione, aspetta sentenze e chiarimenti sul Salva Roma

Il Comune di Firenze sospende fino al 31 ottobre 2015 la messa in mora di oltre 3.000 dipendenti pubblici (di cui la metà ancora in servizio, l’altra composta da contratti determinati e personale in pensione) interessati dall’ipotesi di danno erariale- pari a 9 milioni di euro- che la Corte dei Conti contesta al Comune di Firenze e che riguarda le indennità illegittime per una arco di tempo che va dal 2002/3 al 2012.

La conferma è arrivata ieri al termine del faccia a faccia tra Rsu comunale e la delegazione trattante dell’amministrazione, guidata Giacomo Parenti, city manager di Palazzo Vecchio. Il Comune, sostengono i sindacati, si è presentato con “un atto di dilazione” motivato dall’attesa “per le partite giuridiche in corso sul tema”- Corte dei Conti, Cassazione e tribunale del lavoro- e dalla “necessità di ulteriori pareri su una migliore interpretazione del decreto ‘Salva Roma’ da parte del ministro della funzione pubblica e dell’Aran (Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, ndr)”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se tuttavia la linea rossa per l’avvio delle rate mensili della mora è fissata praticamente ad un anno da oggi, entro il 31 maggio Palazzo Vecchio, spiega Stefano Cecchi, vice coordinatore Rsu, “dovrà decidere dell’eventuale piano di recupero previsto dal decreto Salva Roma”. Lo stesso decreto, continua, “che tuttavia nega il piano di recupero individuale. Per questo l’amministrazione oltre che a sospendere le lettere di messa in mora poteva anche assumersi la responsabilità di annullarle definitivamente. Hanno scelto una via intermedia che noi abbiamo accettato, con moderata, moderata, soddisfazione”. (Agenzia Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento