rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
La ricerca

Casa, i fiorentini preferiscono l'opzione “chiavi in mano”

Secondo una ricerca di Tecnocasa in città si preferisce acquistare immobili già ristrutturati

Gli aumenti dei costi di costruzione impattano anche nel mercato delle case. Stando a una ricerca di Tecnocasa, i fiorentini hanno registrato un maggior interesse per le soluzioni usate in buono stato o ristrutturate che non hanno bisogno di importanti interventi di riqualificazione. 

C’è una maggiore prudenza rispetto all’acquisto del nuovo da parte degli acquirenti, anche in seguito al rialzo dei tassi di interesse che ne ha ridotto in modo significativo la capacità di spesa. Il risultato è stato nel 2023, su scala nazionale, un calo delle compravendite di immobili di nuova costruzione del 19,6% rispetto al 2022.

Nelle grandi città i valori del nuovo registrano un incremento dello 0,6 per cento, un tasso di crescita decisamente più contenuto rispetto ai due semestri precedenti. Spicca Napoli con un aumento dei prezzi del 2,6 per cento, seguita da Verona con 1,4. Nei capoluoghi di provincia c’è un aumento medio dello 0,9 per cento, nell’hinterland delle grandi città si segnala un +0,7 con una menzione particolare per l’hinterland di Verona che registra una maggiorazione 2,2 per cento.

Anche su Firenze, le soluzioni di nuove/ristrutturate negli ultimi hanno avuto un andamento migliore rispetto a quelle usate. Queste ultime hanno guadagnato l’8,3% mentre le soluzioni nuove hanno segnalato un aumento del 14,7%. Nel capoluogo toscano le nuove costruzioni derivano da operazioni di riqualificazione di immobili in disuso o da operazioni di frazionamento. Il nuovo arriva a 6000 euro al metro quadro con punte anche di 10 mila, se parliamo di soluzioni nuove e di prestigio. Uno degli interventi più importanti in corso sul territorio oggi è il recupero dell’ex Ospedale militare di San Gallo. 

Andamento prezzi nuovo-usato-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa, i fiorentini preferiscono l'opzione “chiavi in mano”

FirenzeToday è in caricamento