rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
L’intesa / Il Sodo / Via Reginaldo Giuliani

Sciopero per chiedere il cambio di contratto, alla fine arriva l’accordo: più soldi e stabilizzazioni

Farma System: per tutti i lavoratori in appalto sarà applicato quello della logistica

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Hanno scioperato davanti ai cancelli della Farma System di via Reginaldo Giuliani, a Firenze, per chiedere l'applicazione del contratto della logistica al posto di quello pulizie multiservizi, una vicenda del tutto simile (seppur con numeri più piccoli) a quella di Mondo Convenienza. E nella tarda mattinata è arrivato l’accordo. Protagonist i lavoratori della Cupra srl, che opera in appalto per conto dell’ azienda con sede a Rifredi: una intesa che per loro significa un aumento mensile di stipendio tra i 200 e i 300 euro, a seconda delle mansioni svolte.

“La loro condizione - spiega Luca Toscano dei Si Cobas - verrà quindi uniformata a quelli della Asg, l'altra società che opera in appalto nello stesso magazzino e che già applicava il contratto della logistica. Si chiude quindi la stagione dei lavoratori di serie A e quelli di serie B”. 7,3 euro lordi l’ora, fin qui, la paga per gli addetti assunti da Cupra che si occupano della preparazione degli ordini di cosmetici poi “smistati” attraverso i corrieri.

L’accordo, di fatto retroattivo perché riguarderà anche il salario di aprile, prevede inoltre il passaggio a tempo indeterminato di due lavoratori con contratto a termine, “un elemento su cui abbiamo insistito nella trattativa perché lavoro povero e precarietà sono due facce della stessa medaglia e si possono superare solo insieme”.  Inoltre, aggiunge ancora Toscano, “sono state inserite clausole di garanzia per garantire la continuità occupazionale, non solo per cambio appalto ma anche in caso di cessazione”, per evitare altri casi come quello della Montblanc, con gli operai lasciati a casa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero per chiedere il cambio di contratto, alla fine arriva l’accordo: più soldi e stabilizzazioni

FirenzeToday è in caricamento