rotate-mobile
Giustizia

Stupra e picchia le figlie per 20 anni, condannato

Un inferno iniziato con maltrattamenti e abusi ai danni della moglie

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Un incubo finito soltanto quest'estate quando, dopo l'ennesimo pestaggio, la madre delle due figlie ha perso i sensi. Arrivata in ospedale, è subito scattata in automatico la denuncia nei riguardi del marito e il conseguente divieto di avvicinamento. Un divieto non rispettato che ha portato l'uomo nel carcere di Prato dove, a seguito della sentenza di ieri, resterà per 6 anni e 8 mesi dopo la condanna per maltrattamenti e violenza sessuale. 

La storia, riportata dal quotidiano La Nazione, è stata vissuta per anni da una famiglia residente a Firenze. Protagonista in negativo della vicenda, un uomo di origine albanese che vive da più di 30 anni in città. Era arrivato qua nei primi anni '90 e dopo poco, aveva chiesto alla moglie di seguirlo. 

Insieme alla nuova stabilità economica, la moglie però iniziò a vivere un periodo infernale. Maltrattamenti, percosse continue, minacce anche brandendo un coltello. Tutto questo va avanti per anni. 

E insieme alla moglie, 'arrivano' due nuove vittime: le figlie. Man mano che crescono, ora sono maggiorenni, insieme ai maltrattamenti - sia fisici che psicologici, come quando ha costretto a bere un proprio sputo a una delle figlie - arrivano le attenzioni sessuali: palpeggiamenti, molestie e violenze.

Un incubo durato una vita intera, finito con le parole del giudice di ieri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stupra e picchia le figlie per 20 anni, condannato

FirenzeToday è in caricamento