I turisti nel mirino dei truffatori del dipinto

Striscia la Notizia è tornata ad occuparsi della truffa che colpisce soprattutto i turisti asiatici

Fermo immagine del servizio di Striscia

Striscia la Notizia torna ad affrontare la truffa del dipinto. Firenze non è nuova a questo tipo di situazione: l'ultima denuncia risale ad ottobre, ma già in agosto lo youtuber Harald Baldr documentò con un video come un turista stava per essere adescato.

Come funziona la truffa

Gli ambulanti posizionano le stampe a terra, in zone strategiche, molto frequentate dai turisti, soprattutto asiatici. Aspettano la vittima prescelta e poi fingono che i "dipinti" siano stati calpestati per chiedere del denaro come risarcimento (25-30 euro circa). Roberto Lipari, l'inviato di Striscia, ha documentato la truffa e poi ha provato ad andare a parlare con uno dei responsabili ottenendo come risultato che il micrfono venisse gettato a terra.

QUI per vedere il servizio

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento