menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tramvia: il percorso e le fermate della 'linea stadio', attraverso Campo di Marte fino a Rovezzano

Da piazza della Libertà si snoderà in 15 fermate: tunnel alle Cure, poi viale dei Mille, Coverciano e al capolinea parcheggio scambiatore

E' stata presentata ieri dal sindaco Nardella la 'linea stadio', la 3.2.2, di fatto una prosecuzione della linea Bagno a Ripoli - piazza della Libertà. E dopo piazza Libertà la nuova linea si snoderà in 15 fermate, fino al capolinea di Rovezzano, dove sorgerà un parcheggio scambiatore.

Nella mappa che vedete sopra è indicato il percorso complessivo del progetto preliminare, illustrato ieri assieme all'assessore alla mobilità Giorgetti.

Dopo piazza della Libertà i convogli 'Sirio' percorreranno viale don Minzoni, poi ci sarà un sottopasso all'altezza del cavalcavia ferroviario delle Cure. La tramvia riemergerà in viale dei Mille, che percorerà completamente fino allo stadio Artemio Franchi.

A questo punto svolterà a destra (per l'area di viale Paoli, al netto di quello che ne sarà del Franchi, è ancora in piedi il progetto di pedonalizzazione) con i convogli che percorreranno viale Mandredo Fanti, viale Malta (dove è prevista una fermata 'Piscina Costoli', la stessa che 'servirà' anche il Mandela Forum) poi svolta a sinistra e di nuovo viale Fanti fino a via Terenzio Mamiani.

Da qui la tramvia proseguirà percorrendo via Mamiani, viale Eleonora Duse, viale Giovanni Verga fino alla rotonda di piazza San Bartolomeo al Gignoro, dove devierà a destra su via del Gignoro. Questa sarà percorsa fino all'incrocio con via Vitelli. Poi appunto via Vitelli, via della Chimera e la fermata finale a Rovezzano, dove nascerà anche un parcheggio scambiatore.

In viale dei Mille i due binari della tramvia (ci sarà sempre doppio binario parallelo su tutto il percorso, per andata e ritorno, senza 'separazioni' di percorso nelle due direzioni) passeranno al centro della carreggiata e rimarrà una corsia destinata al traffico veicolare per entrambi i sensi di marcia. Inevitabilmente si perderanno alcuni posti auto.

Verso la fine del tracciato previsto anche un sovrappasso sul torrente Mensola, all'altezza di via della Chimera.

Quello di ieri, e che vedete sulla mappa, è il progetto 'preliminare'. Tra una cosa e l'altra (compreso l'approvazione del finanziamento di 260 milioni di euro, 250 dal governo e 10 dal Comune) il progetto definitivo (che potrebbe subire "lievi modifiche") potrà essere approvato nella primavera del 2022.

Poi 3 anni di lavori, per avere la linea in funzione, è l'auspicio dell'amministrazione, a primavera 2025.

Sarà un tracciato di poco più di 6 chilometri, con 14 convogli che transiteranno con una frequenza tra i 4 minuti e 20 secondi e i 5 minuti trasportando 12 milioni di passeggeri all’anno (secondo stime effettuate in periodo pre Covid).

Tempo di percorrenza totale previsto, circa 25 minuti.

La linea rappresenta la prosecuzione della 3.2.1 Bagno a Ripoli-Libertà e, una volta completati i cantieri dei due rami, si svilupperà su circa 14 chilometri (senza necessità di 'cambiare').

Grazie alle altre linee che completeranno il sistema tramviario (vedi foto sotto) da piazza Libertà si potrà poi andare verso piazza San Marco, verso l'ospedale di Careggi e verso l'aeroporto di Peretola.

"Significativo anche l’impatto sulla linea T2 Vespucci con un +15% dovuto dovuta all’effetto trasbordo dei passeggeri provenienti da Rovezzano e le zone di Campo di Marte e diretti verso l’area ovest della città", la previsione di Palazzo Vecchio.

“Sicuramente l’opera infrastrutturale più importante è il sottoattraversamento di piazza delle Cure perché il tram passerà anche sotto la ferrovia. Stiamo lavorando per ridurre la linea di contatto sull’esempio di quanto previsto sulla linea Libertà-Bagno a Ripoli in modo che i tram vadano a batteria (quindi senza pali o fili, ndr) soprattutto per quanto riguarda viale dei Mille.

Da sottolineare poi il parcheggio scambiatore di Rovezzano che oltre a intercettare chi arriva da fuori Firenze, in prospettiva diventerà la fermata per il trasporto pubblico su gomma, con una significativa riduzione del numero dei bus in città”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Firenze usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Galleria degli Uffizi e Palazzo Pitti: ecco quando riaprono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento