menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I turisti non tornano, i residenti se ne vanno: Firenze è sempre più vuota

Gli uffici comunali registrano un calo demografico costante: allarme rosso nel centro storico ma anche gli altri quartieri si spopolano. E i 'nuovi arrivi' non compensano

Firenze si spopola: in soli sei mesi, dall’inizio dell’anno, abbiamo perso un numero di residenti superiore a quello che ha lasciato il capoluogo nell'intero 2019. Lo scrive il Corriere Fiorentino. I fiorentini in meno sono oltre 3.700, certifica l'anagrafe comunale.

Si tratta del terzo anno consecutivo in cui il capoluogo toscano 'perde pezzi': la media è di un punto percentuale di residenti in meno ogni anno.

A soffrire più di tutti, esaminando il dettaglio dei quartieri, è il centro storico (San Jacopino compreso). 

Dai 376.529 residenti complessivi del 2018 (dati fine dicembre) si è ai 372.905 dell’anno scorso. Il dato di fine giugno 2020 è 369.162. 

Un calo demografico costante, dunque, contraddistingue gli ultimi due anni: circa 3.600 per 365 giorni, ma in metà 2020 si è già superata questa perdita di residenti.

In centro ci sono 1.154 residenti in meno, con una popolazione passata da quasi 66 mila a poco meno di 65 mila rispetto a sei mesi fa, cioè l’1,75% in meno di residenti. Quasi il triplo delle media del calo dei residenti italiani, lo 0,6% (dati Istat).

Anche nel Quartiere 5, il più popoloso della città (107.684 nel 2019) i residenti sono calati di oltre l’1%, perdendo 1.151 iscritti all’anagrafe.

Gli altri tre quartieri hanno un calo pari o poco superiore alla media italiana. Non è tutto: a fronte di 6.872 persone che hanno preso la residenza in un’altra città, solo 4.407 persone si sono iscritte invece all’anagrafe di Firenze nel 2020.

Molte meno della metà dell’anno scorso (il dato è infatti riferito a soli se mesi per il 2020). Il calo si deve leggere anche come un trend di abbandono della città verso i Comuni limitrofi.

Una scelta spinta da costi immobiliari più bassi, welfare 'di prossimità', condizioni di vita quotidiana meno stressanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento