Giovedì, 18 Luglio 2024
Musicoterapia

“Sanremo” nelle Rsa: gli anziani ospiti diventano cantanti e si sfidano

Compongono i testi e suonano gli strumenti: in estate la proclamazione dei vincitori

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Gli anziani di quattro Rsa compongono canzoni per parlare della loro vita o, semplicemente, per allietare le loro giornate e superare momenti difficili e fragilità. Cercano le parole, trovano rime, intonano motivetti, suonano gli strumenti musicali, coordinati nel lavoro da animatori, educatori, musicisti e musicoterapisti che operano in queste strutture. E in estate, come se fosse una sorta di Festival di Sanremo delle residenze sanitarie assistenziali, ci sarà anche la proclamazione delle canzoni che sono risultate più gradite. 

È il progetto “Pensieri e Memorie in Canto”, ideato dall’animatore e musicista Nicola Corti all’interno dell’Rsa San Giuseppe del Consorzio Zenit e che coinvolge anche le strutture Gignoro, Paolo VI e Delfino, oltre che ill Centro di salute mentale del Quartiere 2 e l’Rsp  Madre Fernanda.

Il progetto si è sviluppato a partire da iniziative di musicoterapia per pazienti psichiatrici nel quale si cantavano canzoni famose. “Da subito però fu evidente – spiega Corti – che potevamo andare oltre, così insieme a Paolo Pizziolo decidemmo di provare a far comporre le canzoni direttamente ai pazienti, e abbiamo realizzato che in questo modo erano molto più coinvolti e interessati, riuscivano a trasmettere le loro emozioni più profonde trasformandole in canzoni molto poetiche”.

I testi composti dagli anziani sono simpatici, a volte dolorosi. Tra le canzoni c’è “Cha cha cha del gelato” scritto da Luciana, innamorata del gelato, la “La solitudine”, che non è quella composta da Laura Pausini ma da una signora anziana di nome Vittoria. C’è poi “Il valzer della gente ricca” e altre ancora. Ad accompagnare le canzoni c’è spesso il coro Liete dissonanze (progetto più che ventennale in seno al Centro di salute mentale del Quartiere 2 composto oltre che da Nicola Corti (chitarrista e cantante) da Paolo Pizziolo, musicoterapista, bassista e cantante; Alessandro Garsia, educatore e chitarrista; Martina Rodolfi e Annalisa Fubiani, infermiera, coordinatrice e cantante. 

“Nel comporre queste canzoni gli ospiti delle nostre Rsa sperimentano nuove modalità di stare insieme formando una nuova famiglia con gli operatori, i volontari, i musicoterapeuti e gli altri ospiti - dice Valentina Blandi, direttrice del Consorzio Zenit – Con le loro parole e le loro musiche gli anziani ci mandano un messaggio molto importante, quello secondo cui la fragilità non ci deve spaventare, ma deve essere accolta come parte delle nostre vite, l’importante è riuscire a saperla vivere nel modo più giusto, con l’intento di gestire e arginare il dolore attraverso la sensibilità della comunità che sta attorno alle persone più vulnerabili”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Sanremo” nelle Rsa: gli anziani ospiti diventano cantanti e si sfidano
FirenzeToday è in caricamento