Forteto: pronta a partire la commissione parlamentare 

L'annuncio dopo la condanna definitiva del "Profeta"

Parlamento (foto d'archivio)

Potrebbe finalmente avviare i lavori la commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul caso Forteto e, dopo mesi di rinvii, diventare operativa il prossimo 3 dicembre. A chiarirlo è stato il componente della commissione, già vicepresidente della commissione d'inchiesta del Consiglio regionale toscana, deputato di Fratelli d'Italia Giovanni Donzelli.  "Ci auguriamo che questa volta, dopo essere stato annullato già per due volte, - spiega Donzelli - il via ai lavori ci sia davvero. Vigileremo affinché nessuno provi a rendere inutile la commissione - conclude Donzelli - ci batteremo con tutte le nostre forze perché questo organismo possa trovare molte verità finora rimaste nascoste, e dare un po' di giustizia a tutte le vittime di questa incredibile vicenda". A fare eco a Donzelli anche il vicecapogruppo di Forza Italia alla Camera Stefano Mugnai.  

L'annuncio arriva dopo la condanna della Cassazione, del 6 novembre scorso, a Rodolfo Fiesoli per maltrattamenti e abusi su minori perpetrati nella comunità mugellana. 


Adesso il nodo da sciogliere è chi presiederà le commissioni, infatti il via alla commissione fu dato dal Parlamento gialloverde che poi ha visto una frattura con la componente leghista sostituita dal Partito democratico nell'alleanza con il Movimento Cinque Stelle. 

Fiesoli va dal Santo 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra multata non ci sta: "Non paghiamo, pronti a ripartire quando sarà possibile"

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 18 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, Giani: "Possibile Toscana arancione a inizio dicembre"

  • Coronavirus, Giani: "Oggi 2.336 contagiati, dati si stanno stabilizzando"

  • Coronavirus, nuova ordinanza: vietato consumare cibo e bevande sul posto e nel raggio di 50 metri 

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 20 novembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento