Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Medici no vax, partono le lettere dell'Asl: quasi 2.000 a rischio sospensione

Se non prenoteranno il vaccino entro 48 ore

Sono quasi 1.900 le intimazioni formali che, in Toscana, sono in partenza verso sanitari non vaccinati. Si tratta di richieste urgenti a provvedere alla prenotazione della dose, pena entro 48 ore la sospensione dal servizio o il demansionamento.

Lo scrive il Corriere Fiorentino. Le prime lettere saranno inviate domani dall'Asl Centro. Sempre in settimana sarà l'Asl Nord ovest a inviare le prime 1.730, ma in molti pensano che sia un numero destinato ad aumentare.

Si tratta di una prima tranche rispetto agli oltre 6.000 sanitari che al momento non risultano in regola con l'obbligo vaccinale. Un numero che andrà depurato e ridotto, perché composto in parte da persone che ancora non hanno chiarito la propria posizione, specifica il Corriere Fiorentino.

Scuola: 1 prof su 5 in Toscana non è vaccinato

Così, le prime due Asl Toscane partiranno dai casi accertati: ad esempio, nella Centro, i primi destinatari sono dipendenti della stessa Asl che hanno formalmente dichiarato di non volersi vaccinare. Casi, insomma, su cui non ci sono dubbi. Quelli sotto esame sono 3.700 nel territorio dell'Asl Centro, 1.500 in quello della Sud Est, mentre per la Nord Ovest si parla di 800 persone, ma solo tra i dipendenti diretti dell'Asl.

Non è tuttavia ancora chiaro cosa succederà nel caso in cui un sanitario dovesse sanare la propria posizione prenotando la vaccinazione, senza poi effettivamente farla. Ma l'obbligo vaccinale - conclude il Corriere Fiorentino - comporta anche rischi per la tenuta del sistema. I timori si concentrano sui reparti di ostetricia e sugli oss, tra cui il tasso di mancata vaccinazione sarebbe alto. Tanto che, riferiscono i rumors, in un solo reparto dell'ospedale fiorentino di Santa Maria Nuova, ci sarebbero due interi turni di oss a rischio esclusione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medici no vax, partono le lettere dell'Asl: quasi 2.000 a rischio sospensione

FirenzeToday è in caricamento