rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Campi Bisenzio

Bloccata in India dal Covid: ore durissime per una famiglia di Campi

Si trova all'estero per un’adozione internazionale

“Simonetta ha dei sintomi di bronchite come quelli che si manifestano con il Covid-19. E non è escluso, considerato dove si trova, che possa aver contratto la variante indiana del coronavirus sebbene fisicamente stia bene”. Andrea Zoletto, presidente dell’associazione International Adoption, la più importante a seguire i percorsi di adozione in India, sta seguendo passo dopo passo la vicenda in cui si è trova protagonista Simonetta Filippini, ieri risultata positiva al tampone poco prima di imbarcarsi all’aeroporto di New Delhi. 

Da circa due settimane, precisa la Nazione, la 45enne campigiana si trovava insieme al marito in Asia meridionale per completare un percorso di adozione di una bambina di due anni. Un viaggio trasformatosi in un incubo per loro che come un’altra decina di coppie sarebbero transitate nell’ultimo periodo per offrire una famiglia e un futuro a dei minori. 

L’epidemia da Covid-19 sta però colpendo ai fianchi il Paese. La situazione negli ultimi giorni è precipitata con un’impennata di contagi, portando il sistema sanitario al tracollo e costringendo a bruciare i cadaveri in strada sebbene i forni crematori lavorino senza sosta. 

“Nicoletta, dopo esser stata separata dal marito e dalla bambina, ora è ricoverata in una struttura dedicata” spiega Zoletto. La positività al tampone, infatti, ha comportato l’attivazione di specifici protocolli, facendo includere la donna in un albergo sanitario della capitale: l’Holy Family Hospital. “Nelle ultime ore - aggiunge il presidente dell'associazione -  la situazione si è un po’ rasserenata e Simonetta è riuscita a comunicare sia con il marito sia con i contatti in Italia”. 

Il marito e la piccola sono, fortunatamente, risultati entrambi negativi. L’attesa adesso si fa estenuante per una situazione da cui si vuole uscire al più presto. Si attende il risultato del secondo tampone, sperando di poter fare armi e bagagli e venire via subito in caso di responso negativo. “La situazione è di estrema difficoltà - conclude Zoletto - ma l’ambasciata italiana sta seguendo da vicino la vicenda”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bloccata in India dal Covid: ore durissime per una famiglia di Campi

FirenzeToday è in caricamento