Il battibecco

Affitti brevi, polemica Nardella-Santanché. Il sindaco: "Siamo l'unico paese occidentale senza regolamentazione"

Pronta risposta della ministra al turismo: "Hanno governato per 15 anni, prima il problema non c'era?"

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Continua la polemica sugli affitti brevi. A lanciare il sasso stavolta, come riporta il quotidiano La Nazione, il sindaco di Firenze Dario Nardella all'assemblea nazionale di Anci giovani a Montecatini Terme. “L'Italia – ha detto il primo cittadino alla presenza della ministra del turismo Daniela Santanché - è l'unico paese occidentale che non ha una norma che regolamenta il tema degli affitti turistici brevi”. 

Il sindaco ha poi sottolineato che questo sia uno dei problemi alla base della deregulation del turismo “e dell'aumento dei costi degli affitti delle case”, ricordando l'impatto sociale preoccupante. A conclusione del suo intervento, ha precisato che l'Italia, per numero di turisti ora è “al sesto posto, dietro paesi come Francia e Spagna” quando fino a pochi anni fa era “il primo al mondo”.

Santanché non ha atteso a replicare. La ministra ha specificato che il governo ha “fatto una cosa che nessuno ha mai avuto il coraggio di fare” ovvero avrebbe “introdotto il Codice identificativo nazionale, il meccanismo che serve all'identificazione delle case” e che avrebbero messo mano a “un settore che nessuno aveva mai il coraggio di affrontare”. 

La ministra ha poi concluso con un attacco a Nardella. “Perché Nardella non l'ha detto alla sua parte politica? Hanno governato questa nazione negli ultimi 15 anni. Il problema degli affitti brevi non c'era?”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affitti brevi, polemica Nardella-Santanché. Il sindaco: "Siamo l'unico paese occidentale senza regolamentazione"
FirenzeToday è in caricamento