Si dichiarava "terrorista": espulso tunisino residente a Firenze

Coinvolto dal 2004 in indagini sull'estremismo religioso. Uscito da Sollicciano è stato riaccompagnato nel proprio paese

Era residente a Firenze il cittadino tunisino 49enne espulso dal territorio nazionale per motivi di sicurezza nazionale. L'uomo era stato coinvolto, sin dal 2004, in diverse indagini investigative condotte in Toscana nell'ambito del contrasto all'estremismo religioso. Lo ha reso noto il Viminale, precisando che "con quella di oggi sono 102 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio paese, nel corso del 2017 e 234 quelle eseguite dal 1° gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già detenuto a Sollicciano per scontare una pena per reati comuni, è stato oggetto di monitoraggio di 1° livello "alto" per aver ripetutamente avuto comportamenti violenti verso gli operatori carcerari, affermando in diverse circostanze di essere "un terrorista". Scarcerato il 12 novembre scorso, è stato trattenuto nel Centro per Rimpatri Brunelleschi di Torino e rimpatriato per motivi di sicurezza nazionale dalla frontiera marittima di Genova, con accompagnamento nel proprio paese. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, maxi-multa all'automobilista romantico: "Sto andando dalla mia fidanzata, mi manca"

  • Coronavirus: morto il primo medico fiorentino

  • Coronavirus: presto l'obbligo, si esce solo con la mascherina 

  • Coronavirus: 173 nuovi casi e 18 decessi in Toscana 

  • Effetto Coronavirus, Comune di Firenze a rischio default: "resta liquidità per tre mesi"

  • Coronavirus, via alla distribuzione: si uscirà solo con le mascherine

Torna su
FirenzeToday è in caricamento